Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Polveri dai cantieri di ponte Morandi, dopo l’allarme dei cittadini con le centraline ecco il piano della struttura commissariale foto

Genova. Dopo le richieste di chiarimenti da parte della rete di cittadini di Certosa e Sampierdarena che, vicini alle macerie del moncone est di ponte Morandi hanno installato alcune centraline di monitoraggio delle polveri sottili, registrando picchi di sforamento rispetto ai limiti, la struttura commissariale oggi pubblica sul sito ufficiale il punto sul piano di contenimento delle polveri di cantiere.

Dal giorno successivo alla demolizione delle Pile 10 e 11 è stato previsto un piano di bagnatura dei detriti – si legge sul sito internet – presso il cantiere del Viadotto lato Levante, l’area di cantiere viene giornalmente interessata da diverse bagnature e passaggi della dedicata spazzatrice. Inoltre, su disposizione della direzione Lavori, tutte le lavorazioni e movimentazioni avvengono con contemporanea bagnatura dei detriti.

Il piano prevede tre cannon fog tra le ex Pile 10 e 11 (due sul lato Campasso, uno sul lato Fillak), posizionati in modo da bagnare i detriti delle pile 10 e 11, attivi per 12 ore al giorno (con un impiego di acqua tra i 3000 e i 5000 litri/ora). Altri due cannon-fog sono appena stati recapitati in cantiere e installati per coprire la restante parte del cantiere di levante.

Inoltre è sempre presente una botte lava-strade (attiva in orario lavorativo) e, in collaborazione con Ireti, si stanno predisponendo ulteriori allacci alla rete idrica per l’installazione di dedicati irrigatori atti a bagnare sia i detriti, sia la pista di cantiere all’altezza di salita Bersezio.

Le imprese stanno lavorando a migliorare la situazione delle piste di cantiere con l’utilizzo di materiale che non produca polvere (compattato di cava oppure misto cementizio) che abbatterà significativamente le polveri correlate al transito di mezzi d’opera.

La situazione è monitorata dai tecnici della struttura commissariale che effettuano non meno di due accessi al giorno per controllare il regolare svolgimento di quanto sopra.

Generica

Restano in contemporanea in attività le altre opere di mitigazione (bagnatura con cannon fog, coperture, bagnature delle piste, pulizia dei mezzi) in corrispondenza dei lavori di demolizione e delle movimentazioni su tutto il cantiere.