Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Palazzo Ducale, arriva il “superbiglietto”, 20 euro per visitare tutto

Più informazioni su

Genova. Per adesso manca ancora la comunicazione ufficiale ma, forse già dalla prossima settimana, Palazzo Ducale inizierà a proporre un ticket molto particolare che, grazie al prezzo ridotto, potrà maggiormente  invogliare i turisti in arrivo a Genova e i genovesi che restano in città a visitare il palazzo.

Si tratta di un biglietto che, con la spesa di 20 euro, permetterà di visitare tutte le mostre che sono a Palazzo, da De Chirico, che è stata prorogata fino a settembre, fino a Etchugarry, oltre agli spazi del Palazzo aperti alle visite, come la torre grimaldina, la cappella del Doge e il salone del maggior consiglio.

La nuova mostra, infatti, ha portato qualche novità all’interno del salone dove si riunivano gli aristocratici genovesi per decidere il futuro della repubblica. Gli spazi sono stati svuotati da palco, sedie e strutture che vengono usate abitualmente per le conferenze e animate dalle sculture dell’artista argentino. “Io stessa farò alcune visite guidate in questo salone – spiega il direttore, Serena Bertolucci – propri per far vedere le bellezze di questi spazi e racontare quanto è stato importante per la nostra storia”.

Palazzo ducale, quindi, presenta un’estate di eventi con il cinema all’aperto, concerti, mostre. “Un palazzo ducale che è affianco alla città – spiega Bertolucci – con iniziative, come il cinema all’aperto, che hanno un fascino molto particolare. E poi grazie alla disponibilità dei prestatori si potrà ancora vedere De chirico. È un’estate fatta per tutti i pubblici e ognuno trova ciò che interessa”.

Ma a Palazzo Ducale, intanto, si lavora pensando già alla prossima stagione autunnale. “Siamo aperti per ferie – scherza la direttrice – perché oltre a Bansky, avremo tutto l’autunno è l’inverno che ruoteranno attorno  agli anni ‘20. Anche con una grande sorpresa per Capodanno. E poi Hitchcock, il maestro del brivido, e i suoi rapporti con la città, che sarà al centro di una delle nostre mostre”.