Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Luminosa Bogliolo si migliora ancora: secondo crono italiano di sempre sui 100 ostacoli

A La Chaux de Fonds corre in 12"78, poi eguaglia il primato nazionale ma con eccessivo vento a favore

Genova. Continua il periodo d’oro di Luminosa Bogliolo, atleta da qualche mese in forza alla Polizia di Stato ma sempre tesserata per il Cus Genova.

L’alassina ha vinto la gara dei 100 ostacoli al meeting internazionale di La Chaux de Fonds, in Svizzera, facendo registrare un notevole 12″78 in batteria che vale il secondo tempo italiano nella storia della specialità. Immediatamente migliorato, dunque, il 12″89 ottenuto a Nancy pochi giorni prima.

L’atleta ligure sarebbe riuscita ad eguagliare anche il record italiano ottenuto da Veronica Borsi ad Orvieto nel 2013, ma il suo 12″76 in finale non è stato omologato a causa dell’eccessivo vento a favore (+3.1), facendola così rimanere al secondo posto della classifica dei tempi di sempre.

Restano comunque la vittoria, il crono sufficiente per i Mondiali di Doha già ottenuto a Nancy e chiaramente l’ennesima prova dell’ottimo stato di forma dell’ostacolista.

Sensazionale la stagione della studentessa in veterinaria, 24 anni da compiere (domani, 3 luglio), sempre in crescita in tutte le uscite agonistiche: dall’esordio in 13″21 il 25 maggio a Cinisello Balsamo proseguendo con 13″14 quattro giorni più tardi al meeting di Savona, poi 13″07 il 12 giugno a Bydgoszcz, in Polonia, fino alle due gare sotto i 13 secondi.

Alle sue spalle, in batteria, ampiamente staccate avversarie di valore come la finlandese Nooralotta Neziri e la belga Anne Zagré, entrambe a 12″96. Nella finale l’azzurra prevale invece di un centesimo sulla giamaicana Britany Anderson (12″77).

“Un miglioramento di questo tipo – sorride Luminosa Bogliolo – non me l’aspettavo proprio. Ho deciso, già da qualche gara, di pensare soprattutto ad arrivare più avanti possibile e non al cronometro, anche se forse è quello la cosa più importante… evidentemente sta funzionando! Dopo la batteria, nonostante la felicità per il risultato, ho cercato di mantenere la concentrazione. Poi in finale il troppo vento alle spalle non è stato di aiuto per il mio modo di affrontare gli ostacoli, infatti preferisco quasi averlo contrario. Torno da qui davvero soddisfatta e devo dire che i miei tecnici attendevano invece un risultato del genere, vedendo gli allenamenti tra Pinerolo e Alassio sapevano che ero in forma e avevano ragione. Nell’ultimo anno l’atletica è diventata più importante per me, ho rallentato un po’ con gli studi. Ma la scorsa settimana ho dato un esame e non vedo l’ora di scendere in pista alle Universiadi di Napoli. Per la Liguria dell’atletica questa è una bella giornata anche con il record di Davide Re sui 400 metri, tutti gli italiani che erano qui hanno fatto il tifo per lui… Si vede che il nostro mare ci dà qualcosa in più!”.