Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La consigliera municipale della Lega: “Alla Fiumara gli zingari rubano i bambini”. E su fb si scatena l’odio

La bufala razzista usata per fomentare i lettori/elettori che replicano "Ammazziamoli tutti"

Genova. Una bufala razzista d’altri tempi, che si sperava definitivamente accantonata, usata ad hoc per fomentare l’odio.

“Alla Fiumara gli zingari cercano di portare via i bambini”. A scriverlo non è però un qualunque leone da tastiera, bensì una rappresentante delle istituzioni, la consigliera municipale del Carroccio nel Centro Ovest Serena Russo.

C’è un unico commentatore che pacatamente chiede di rettificare, per il resto la macchia dell’odio ormai ha scatenato il branco. E i commenti sotto il post fanno venire i brividi da chi propone di usare taniche di benzina per bruciare i campi, a chi ancora più chiaramente parla di “ammazzarli tutti”. “Da scendere con delle mazze e spaccargli gambe e braccia” dice un commentatore un altro indica il metodo “Altro che ruspa tanica di benzina da 20 litri il primo campo che c è nelle vicinanze s incenerisce”.

“Ammazzarli tutti…. Maledetti… Alla fiumara è pieno e ti guardano tutti di storto…” commenta una ragazza. E poi chi dice di essere ben informato “hanno in mano i traffici di organi ma la gente fa finta di nulla!.

Dopo aver scatenato il branco dell’odio la consigliera in un post successivo precisa con tono rasicurante: “Onde evitare che il mio post relativo quanto appreso su fb [sic! “appreso su fb”] circa gli zingari in fiumara, venga considerato un post di procurato allarme o di inneggio al razzismo, sono a precisare che non voleva essere tale ma sono di informativa e di aiuto per alcune mamme della zona”.

Sembra tempo perso a questo punto spiegare alla consigliera che le notizie che si “apprendono da facebook” si prendono con mille pinze e si verificano e non si diffondono online senza averle verificate con fonti attendibili e ufficiali (le forze dell’ordine per esempio).