Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Impresa Centro Smistamento Merci, lavoratori in agitazione: non si risolve contenzioso tra azienda e Autorità Portuale

Chiesto un incontro urgente con l’azienda presso l’Adsp per affrontare, una volta per tutte, le tematiche che danneggiano i lavoratori

Genova. Stato di agitazione e blocco delle prestazioni straordinarie per i lavoratori dell’impresa portuale Centro Smistamento Merci sulle tematiche relative a organizzazione del lavoro, sicurezza, rinnovo dell’accordo sulla flessibilità e passaggio al contratto collettivo di lavoro nazionale porti.

Filt Cgil e Uiltrasporti hanno scritto all’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale  e all’azienda per chiedere un incontro chiarificatore circa il contenzioso che coinvolge i due soggetti. L’azienda ha comunicato alle organizzazioni sindacali l’avvio di un percorso di riduzione drastica dei volumi di merci movimentata, motivando questa incomprensibile scelta anche a causa di gravi inadempienze dell’ente Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale.

Filt Cgil e Uiltrasporti ritengono inaccettabile e gravissimo il comportamento di Csm, soprattutto nei confronti dei lavoratori che sono i principali artefici degli “ottimi risultati conseguiti negli ultimi anni, ma che rischiano di essere anche gli unici a pagare colpe non loro e a finire in mezzo a un contenzioso tra impresa e Ente”, scrivono i sindacati. L’azienda, inoltre, intende convocare i sindacati per presentare un piano di smaltimento ferie obbligatorio per tutti i dipendenti.

Dopo l’assemblea dei lavoratori di ieri, 11 luglio, Filt Cgil e Uil trasporti chiedono un incontro urgente con l’azienda presso l’Adsp per affrontare, una volta per tutte, le tematiche che danneggiano i lavoratori. Filt Cgil e Uiltrasporti si riservano, fin da ora, di proclamare sciopero nel caso in cui non arrivasse la convocazione richiesta e le risposte non fossero soddisfacenti per i lavoratori.

La nota, diffusa dai sindacati, è a firma di Enrico Ascheri, Marco Pietrasanta per Filt Cgil e Roberto Gulli, Giacomo Santoro per Uiltrasporti