Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Gianluca Grezzi è il nuovo attaccante del Città di Cogoleto foto

Eccellente colpo di mercato del team cogoletese, strappato ad una interessante concorrenza

Cogoleto. “Il colpo giusto, quello che gonfierà la rete, lo senti dentro di te, appena lo hai tirato”-

Gianluca Grezzi si presenta ai lettori di Ge24 parlando delle sensazioni, delle emozioni che un attaccante sente e prova nel calciare la palla, sapendo già che finirà alle spalle del portiere avversario.

L’attaccante (classe ’91) ha giocato nelle ultime due stagioni in Promozione con Athletic Club e Casarza Ligure, è stato acquistato dal Città di Cogoleto, che non ha lesinato energie pur di arrivare a strappare l’agognato si, che rappresenta per la società un autentico colpo di mercato. Grezzi era corteggiato da diverse squadre, ma il progetto presentatogli dalla società del presidente Carlo Schelotto, ha fatto la differenza.

“Sono nato, calcisticamente parlando a Pontedecimo, la squadra del mio paese – afferma il bomber – prima di approdare al Genoa, arrivando a giocare negli allievi nazionali. L’esordio in prima squadrà è avvenuto nel Bogliasco, a 17 anni, in seguito sono approdato al Savona, nell’anno in cui ha vinto il campionato di Serie D”.

“L’anno successivo sono stato mandato in prestito al Cuneo, ma motivi famigliari, mi hanno spinto, provvisoriamente , a smettere di giocare. Ho ripreso con il Pontedecimo, due buone stagioni con tanti goal all’attivo, che mi hanno portato al Casarza Ligure, in Promozione, dove in tre anni ho realizzato una quarantina di reti”.

“Sono tornato a Genova per giocare con l‘Athletic Club, dove, al termine di un’ottima stagione, siamo arrivati secondi, alle spalle del Baiardo campione. mentre l’anno successivo rieccomi con la maglia del Casarza Ligure“.

Quali sono stati i motivi che ti hanno spinto ad accettare di giocare a Cogoleto?

“Quello che mi ha portato a scegliere Cogoleto è stata la determinazione e la rapidità con le quali sono stato cercato, facendomi sentire il perno importante di qusto progetto… La dirigenza ha salvato il calcio a Cogoleto, che stava per sparire e già solo per questo meritano un plauso… si sono dimostrati, già dal primo incontro dirigenti capaci e con le idee chiare per cercare di allestire una compagine il più competitiva possibile”.

“Il primo anno è ricco di insidie, per questo non vogliamo sbilanciarsi in pronostici estivi.... ma lavorare sodo per formare un gruppo coeso dentro e fuori dal campo – conclude Grezziil mio obiettivo è crescere insieme a questa società, per cercare di riportarla, insieme ai miei compagni, dove merita”.