Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cinema sotto le stelle a palazzo Ducale di Genova, il cartellone di agosto

Genova. Ormai diventata un appuntamento abituale dell’estate genovese, la terza edizione di “Circuito Cinema al Ducale” prosegue dal 2 al 30 agosto con ventisette film, fra cui due anteprime (Genitori quasi perfetti e L’amour flou), un titolo del ciclo “La grande arte” (Il Museo del Prado – La corte delle meraviglie) e uno in lingua originale inglese (Roma). Tutto come di consueto, se non l’inizio delle proiezioni che è anticipato alle ore 21,15. I posti a sedere sono 200. Nel corso di tutta la rassegna resta valido l’accordo di Circuito Cinema Genova con Amt, per cui il biglietto del cinema (8 euro intero, 7 euro ridotto) vale come biglietto dell’autobus per le quattro ore successive all’ingresso. Inoltre, in accordo con Mentelocale, ogni sera è previsto il pacchetto aperitivo più film a 15 euro (eccetto l’aperitivo in spagnolo, a 18 euro). La stagione estiva è organizzata da Circuito Cinema Genova in collaborazione con Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura.

Chi acquista un abbonamento TOP dall’1 al 31 agosto, avrà un tagliando il regalo, quindi nei sei mesi successivi all’acquisto potrà vedere non i consueti 10 ma 11 film, con una spesa di 55 euro.
L’appuntamento con il cinema prevede un titolo diverso ogni sera, con un’attenzione verso i film più apprezzati della stagione appena conclusa e uno sguardo alle novità in arrivo.

I due film in anteprima sono Genitori quasi perfetti (20 agosto) e L’amour Flou. Come separarsi e restare amici (26 agosto). Genitori quasi perfetti è l’opera seconda di Laura Chiossone, una commedia ironica sulla girandola di umanità che ruota intorno alla festa di compleanno di Filippo, 8 anni, fra adulti in preda ad ansia, gelosie, vanità e competizione. Con Anna Foglietta, Paolo Calabresi, Lucia Mascino e il piccolo Nicolò Costa. L’amour flou è una commedia francese basata su una storia vera: una coppia si divide e trova un’originale soluzione architettonica per garantire una gestione ottimale dei figli, due appartamenti autonomi sullo stesso piano con in comune la stanza per i bambini. Cioè si separano ma non si lasciano. Risposta audace a un problema comune. Registi e interprete sono i veri protagonisti di questa storia, i due attori Romane Bohringer e Philippe Rebbot.

Per il ciclo “La grande arte” il 22 agosto appuntamento con Il Museo del Prado – La corte delle meraviglie. Si entra in uno dei musei più importanti del mondo con una guida d’eccezione, Jeremy Irons. Il documentario è collegato, su richiesta, all’aperitivo in lingua spagnola organizzato da Mentelocale (film e aperitivo 18 euro, con prenotazione obbligatorio su happyticket). Il 18 agosto, invece, film in lingua originale spagnola con Roma di Alfonso Cuarón, che racconta il Messico della sua infanzia, in equilibrio sull’instabilità politica che mescola ricchezza e povertà fra mille contraddizioni. Il film ha ricevuto l’Oscar 2019 come migliore film straniero.

Il resto della rassegna comprende A star is born (il 2) con Bradley Cooper e Lady Gaga, un film musicale su una cameriera con l’hobby della musica che incontra una star del rock e cambia vita; Il professore e il pazzo (il 3) con Mel Gibson e Sean Penn, sulla nascita del prestigioso Oxford English Dictionary con il contributo fondamentale di un uomo internato in manicomio. Si prosegue con la commedia francese 7 uomini a mollo (il 4) di Gilles Lellouche, su un gruppo di amici che fonda una squadra di nuoto sincronizzato maschile, Cafarnao (il 5) di Nadine Labaki, una denuncia del lavoro minorile; il campione d’incassi Green Book (il 6) di Peter Farrelly con Viggo Mortensen e Mahershala Ali (Premio Oscar come migliore attore non protagonista); Momenti di trascurabile felicità (il 7), commedia di Daniele Luchetti con Pif, tratta dai libri di Francesco Piccolo; Tutti pazzi a Tel Aviv (il 9), approccio anticonvenzionale e ironico alla difficile convivenza tra arabi e israeliani; Old Man & The Gun (il 10) con Robert Redford nei panni di un rapinatore gentiluomo reduce da ben sedici occasioni; Dolor y Gloria (l’11), l’ultimo film di Pedro Almodóvar con Antonio Banderas e Penélope Cruz, Le invisibili (il 12) di Louis-Julien Petit, una commedia su un centro di accoglienza, Rocketman (il 13) dedicato alla vita e alla musica di Elton John, Il corriere –The Mule (il 14) con Clint Eastwood anziano corriere della droga; Ma cosa ci dice il cervello (il 16), una commedia italiana con Paola Cortellesi e Stefano Fresi; Nureyev – Te white crow (il 17) dedicato da Ralph Fiennes al grande ballerino russo; Il traditore (il 18 e il 30), ultimo film di Marco Bellocchio con Pierfrancesco Favino nei panni di Tommaso Buscetta; Tutti lo sanno (il 21) con Penélope Cruz e Javier Bardem, due amici alle prese con un rapimento; Domani è un altro giorno (il 23), una commedia di Simone Spada con Valerio Mastandrea; Bohemian Rhapsody (il 24), film vera sorpresa della stagione, dedicato a Freddy Mercury e alla musica dei Queen; Edison – L’uomo che illuminò il mondo (il 25), dedicato all’inventore della lampadina a incandescenza; Cold War (il 27) di Pawel Pawlowski, su una travolgente storia d’amore resa impossibile dalla Guerra Fredda; Euforia (il 28) di Valeria Golino, la storia di due fratelli costretti a riavvicinarsi a causa di una malattia; Book Club – Tutto può succedere (il 29) dedicato all’amicizia fra quattro donne sessantenni in cerca di emozioni.

Variazioni e aggiornamenti sul sito www.circuitocinemagenova.com. Biglietti 8 euro (intero), 7 euro (ridotto) e abbonamenti a 30 euro per 5 ingressi oppure 55 euro per 10 ingressi. Under 29, euro 15 per 5 ingressi).