Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Carlo Felice, il M5S contro il bando per l’assunzione a tempo indeterminato di un direttore amministrativo

Secondo i pentastellati il concorso pubblico, così strutturato, va contro lo stesso statuto della fondazione

Più informazioni su

Genova. Non piace al Movimento 5 Stelle a Genova il bando per l’assunzione a tempo indeterminato di un direttore amministrativo per la fondazione del Teatro Carlo Felice, figura fino a oggi non presente nella stessa struttura. Durante il consiglio comunale di oggi il capogruppo pentastellato Luca Pirondini, che è anche maestro d’orchestra del Carlo Felice, ha chiesto che il bando venga ritirato.

“Sono più di dieci anni che non vengono banditi concorsi pubblici per l’assunzione di professori d’orchestra e artisti del coro  – spiega Pirondini – le cui piante organiche sono attualmente ridotte all’osso. Le motivazioni delle mancate assunzioni sono sempre state la carenza di finanze, soldi che si trovano invece per aumentare il numero dei dirigenti”.

Secondo l’M5S l’assunzione a tempo indeterminato di quella figura dirigenziale è inoltre in contrasto con lo statuto della stessa fondazione che specifica che la eventuale nomina di tale figura non può eccedere la durata del mandato del sovrintendente. La scadenza dell’attuale sovrintendente, Maurizio Roi, vicino al centrosinistra, è fissata a marzo 2020.

“Da circa tre anni i revisori dei conti lamentano l’assenza di un direttore amministrativo – ha risposto l’assessore al Bilancio Pietro Piciocchi – lo scorso anno la Fondazione è stata oggetto di una verifica da parte della Ragioneria dello Stato e nella relazione conclusiva ha evidenziato come anomalia l’assenza di tale figura. Questo è all’origine della scelta del bando”. Alla fine dell’interrogazione Pirondini ha ironicamente mostrato una busta dove, a suo dire, è già scritto il nome del possibile vincitore.