Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Camilleri, consiglio comunale di Genova vota la dedica di un angolo di Boccadasse, ma senza Lega, Fdi e Fi

Per lui era un "luogo del cuore", nonché la casa della fidanzata di Montalbano

Genova. 23 voti a favore (Pd, Lista Crivello, Vince Genova, Direzione Italia, M5S, Chiamami Genova, Ubaldo Santi del gruppo Misto e Guido Grillo di Forza Italia), 13 astenuti (Lega Salvini Premier, Fratelli d’Italia, Forza Italia) per l’ordine del giorno che impegna il sindaco e la giunta a proporre un gesto, un atto, una restituzione ad Andrea Camilleri con la dedica di un angolo del borgo di Boccadasse, da lui definito “luogo del cuore”.

Già subito dopo la sua morte, la lista Crivello aveva fatto una proposta per far restare nella memoria di tutti i genovesi il profondo legame tra il grande maestro, insignito dal Comune di Genova dell’onorificenza del Grifo nel 2015, e la città. “Camilleri diceva sempre che se non avesse amato troppo la Sicilia per lasciarla si sarebbe trasferito a Genova”, ha ricordato Crivello.

Non solo. Il borgo di pescatori di Boccadasse è il luogo dove Camilleri ha voluto vivesse l’eterna fidanzata del commissario Montalbano, Livia.

Sull’astensione di parte del centrodestra Crivello commenta: “Francamente credo si sia teso a confondere un pensiero politico, quello di Camilleri, un pensiero che non ha mai nascosto, con la capacità di uomo di cultura”. Il consigliere ha avviato l’iter con la commissione toponomastica per fare sì che la proposta diventi concreta.