Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Seven Up, i Giardini Luzzati festeggiano i 7 anni con un’estate di grandi eventi

Più informazioni su

Genova. I Giardini Luzzati – Spazio Comune compiono sette anni e per un mese, tra metà Giugno e metà Luglio 2019 festeggiano con un ciclo di eventi di altissimo livello.

Sette anni di impegno costante, passione, cura, presidio, ascolto, innovazione e creatività.
Sette anni di investimenti economici, struttrali, civili, sociali e culturali da parte degli enti che ne hanno in carico la gestione: Giardini Luzzati Nuova Associazione, Associazione Il Ce.Sto, Cooperativa Archeologia e Fondazione LuzzatiTeatro della Tosse.

Con più di 1200 eventi di vario genere organizzati e ospitati, e una massiccia rete territoriale, i Giardini, oggi, si traducono a pieno titolo nella declinazione più estesa di “Piazza dei diritti” in città.

Il programma.

Paolo Fresu, il 27 Giugno, grande concerto del più grande trombettista jazz a livello nazionale e mondiale, organizzato in collaborazione con Legacoop Sociali in occasione dei festeggiamenti della Giornata del Rifugiato.

La cantautrice Malika Ayane (14/6), Testimonial e special Guest del Pride Village 2019, all’interno dei Giardini: artista che ben rappresenta le nostre parole: identità, comunità, bellezza e libertà. La sua storia personale, comune e al tempo stesso unica, le diverse identità che la compongono, e la bellezza di chi sa intrecciare affermazione di sé e libertà dalle aspettative del mercato e della società circostante, con la capacità di restare in unione con il mondo e provare solidarietà ed empatia.

Ospiteremo, inoltre, alcune date Special delle Edizioni 2019 di Festival quali Goa Boa (Sara Hebe), e LILITH Festival della Musica d’Autrice (Cristina Donà& inevra Di Marco, Marina Rei e Paolo Benvegnù).

Graditissimo ritorno di Frenki-HNRG Mc (25/6), che a due anni dallo strepitoso concerto in piazza del 20 Giugno 2019, viene presentare il suo libro autobiografico “Faccio la mia cosa”.

L’Area Archeologica ospiterà due spettacoli teatrali all’interno della seconda edizione de la Tosse d’Estate Raddoppia, rassegna di spettacoli estivi che il Teatro della Tosse propone nell’area dei Giardini Luzzati, in Centro Storico, e nella splendida cornice del Parco Villa Duchessa di Galliera a Voltri.

E tantissime altre iniziative, incontri, spettacoli, sport, mostre ed happening per un intero mese di musica, cultura e festa tutti insieme.

Riceviamo e pubblichiamo: I GIARDINI LUZZATI OGGI
“Uno spazio urbano nel cuore del centro storico di Genova, un parco di tutti e per tutti, reso vivo e partecipato da chi lo abita e lo frequenta. Con assiduità e costanza, ma anche in maniera estemporanea per un pranzo, un evento o una visita, persone di ogni genere ed età e turisti di tutto il mondo.

I principali obbiettivi raggiunti fino ad ora sono la rivitalizzazione di uno dei punti nevralgici del centro storico valorizzando l’aggregazione sociale di diverse fasce d’età con iniziative di tipo ludico – culturale, con una particolare attenzione alla copertura di tutte le fasce orarie e non solo quella serale. Genova e il suo centro storico: la bellezza e la cura dei luoghi come strumento di arricchimento personale e culturale. I Giardini Luzzati, spazio urbano rigenerato sono un parco in città ricco di testimonianze archeologiche che ben convivono con l’epoca attuale, un piccolo tesoro ancora non abbastanza valorizzato e promosso nei canali turistici istituzionali ma tutto da scoprire per chi giunge, cittadini o foresti nei caruggi di Genova. Una comunità locale e interculturale, nel cuore della città, luogo di condivisione, inclusivo e aggregativo, aperto all’incontro e al dialogo, nel quale le proposte e i bisogni del territorio trovano ascolto, attento al passato ma innovativo.

Zona franca, ospitale e ricettiva di cittadinanza attiva, rivolta al mondo e al territorio, in cui l’aggregazione socio-culturale va a braccetto col “buon vivere”. Due piazze (i Giardini Luzzati e piazzetta Mauro Rostagno), un ‘area archeologica, un orto urbano, un campo da calcio e un circolo in grado di accogliere nuovi e vecchi cittadini, insieme, turisti, giovani, adulti e anziani mediando fra posizioni e gusti talvolta contrapposti, facendo delle differenze una possibilità di arricchimento.

Un’idea e una sfida vinta, che attualmente si traduce in circa 200.000 presenze all’anno.

La rigenerazione urbana avviene solo quando si è capaci di immaginare una realtà differente: una finestra sempre aperta sulla città, un palcoscenico attivo 365 giorni all’anno con un rapporto diretto e continuo con le persone.

Oggi, ormai grandi e riconosciuti a livello locale e nazionale, ci troviamo ad affrontare uno dei momenti più delicati e al contempo importanti della nostra storia: ad Ottobre 2019 scadrà il bando di concessione attualmente vigente, ma stiamo già lavorando, grazie al contributo di tutti, al perseguimento dei nostri obiettivi di socialità, appartenza, inclusione, cultura, attenzione alle persone, al territorio e all’ambiente. Con l’auspicio che il nostro progetto non solo possa cresce e svilupparsi ancora ma che diventi un modello replicabile in città, in aree degradate, abbandonate e periferie urbane.

Il nostro festeggiamento-ringraziamento è per tutti coloro che hanno reso possibile tutto ciò: operatori, educatori, soci, volontari, commercianti, associazioni, cittadini e residenti, provando, ancora una volta, a dimostrare che con l’unione è possibile non far finire un sogno che è ormai diventato realtà”.