Quantcast
Basta mostri!

Sabato in piazza Banchi la manifestazione contro la mostra del cinema: “La loggia torni pubblica”

Prorogata da anni, rende inutilizzabile uno spazio collettivo, peraltro deturpandolo, secondo gli organizzatori

Generica

Genova. Giacomo Giambelluca, il patron della mostra sulle memorabilia del cinema in piazza Banchi, forse la prenderà sul personale ma gli organizzatori – le associazioni Riprendiamoci Genova e Che l’inse – ci tengono a specificare che non è così.

Però domani, sabato 8 giugno, metteranno in atto il loro presidio, dalle 12 alle 13, per dire “Basta Mostri!”. “Non si può tollerare una fruizione privata e continuata dei beni pubblici, né la mancanza di valorizzazione del patrimonio storico e architettonico”.

La manifestazione di domani è contro la mostra Cinepassioni, che con giganteschi cartelloni e riproduzioni di personaggi di fantasia, attira sicuramente l’occhio del turista ma, diciamolo, nulla c’entra con l’architettura del quartiere e la sua storia.

Ma soprattutto è una questione di principio: “La Loggia dei banchi, bene pubblico, deve tornare a essere tale”. Dal 13 aprile 2017 la mostra privata occupa l’area. Sarebbe dovuta finire dopo 3 mesi invece è stata prorogata di volta in volta fino a gennaio 2020, “col rischio di diventare permanente, privando Genova di uno spazio pubblico e degradandone la funzione sociale e culturale”.

Eppure nelle strategie del Comune la Loggia de’ Banchi avrebbe potuto diventare una sorta di vetrina per performance artistiche, per esempio da parte degli studenti del conservatorio Niccolò Paganini o dell’Accademia ligustica di belle arti. Prima che arrivasse Cinepassioni, con i suoi cartelli che vietano di scattare fotografie, era una location assegnata a rotazione a chi ne faceva richiesta, sulla base di progetti con alti parametri.

leggi anche
Generica
Il caso
Proroghe infinite per Cinepassioni alla Loggia de’ Banchi ma alcuni cittadini dicono “Basta mostri”
Generica
Visioni opposte
Loggia di Banchi, la mostra Cinepassioni prorogata fino a gennaio 2020. Terrile: “Totale assenza di programmazione culturale”
Generica
Bocciatura
Loggia di Banchi, Italia Nostra in trincea: “Museo della città da un’altra parte”