Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Omicidio ex collaboratore di giustizia a Chiavari, un arresto

Era stato freddato in un parcheggio colpito da un proiettile alla nuca

Più informazioni su

Genova. La squadra mobile di Genova ha arrestato una persona accusata dell’omicidio di Orazio Pino, l’ex collaboratore di giustizia freddato con un colpo di pistola in un parcheggio a Chiavari lo scorso 23 aprile.

Gli agenti, coordinati dal pubblico ministero Silvia Saracino, stanno eseguendo anche diverse perquisizioni. Maggiori dettagli verranno forniti nel corso di una conferenza stampa alle 11 in Procura.

Pino era stato colpito con un proiettile alla testa mentre recuperare la sua auto dopo aver chiuso il suo negozio di orafo. Gli investigatori coordinati da Marco Calì quasi dall’inizio avevano escluso la pista della vendetta di mafia propendendo invece per un movente legato alla sua attuale attività economica.

A finire in manette è Sergio Tiscornia, 50 anni, accusato di omicidio volontario aggravato.

Le attività investigative svolte con l’ausilio di attività tecniche, supportate dall’analisi capillare delle telecamere cittadine, nonché dai risultati degli accertamenti svolti dalla sicentifica hanno consentito di appurare la responsabilità dell’uomo per ragioni di natura sentimentale ed economica.

Tiscornia infatti è il fidanzato della ex socia ed ex amante di Pino, con cui quest’ultimo aveva avuto dissidi proprio per ragioni economica: insieme i due avevano fondato una società. Quando quest’ultima era stata sciolta, la donna aveva denunciato Pino che a suo dire l’aveva derubata di alcuni preziosi, ma l’indagine che era stata aperta in procura era finita con un’archiviazione.