Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Non è più un sogno: l’Andrea Doria vola in Serie B

Un campionato giocato da protagonisti sin dalla prima partita e conquistato con grande merito dai biancoblù

Un sogno diventato realtà per l’Andrea Doria Pallanuoto che con la vittoria alla Nannini di Firenze contro il Dream Sport, 8-5, certifica il primato in classifica con 13 vittorie su 14 partite, 133 gol fatti, 80 subiti, ma soprattutto la promozione in serie B.

 Una stagione a dir poco entusiasmante con tante partite complicate, sempre combattute ma sempre vinte tranne una contro Aragno degna avversarie che probabilmente avrebbe meritato anch’essa il salto di categoria, ma la formula attuale che  prevede soltanto una promozione senza possibilità di spareggi o play off.

“Il lavoro alla lunga paga sempre” questo il motto di Mister Lefosse, artefice della promozione insieme al mitico “Pierino” Bruzzone  (Responsabile tecnico) ed ai dirigenti Moraci Andrea (Responsabile Sportivo) e Rinaldo Maurizio (Responsabile settore giovanile). Da sottolineare il  supporto di tutti i ragazzi del settore giovanile al seguito, testimonianza di un gruppo che cresce affiatato, che ha piacere di vivere insieme tutti i momenti della società a cui appartengono.

“È il momento dei doverosi ringraziamenti, – dice la dirigenza – a cominciare dal presidente Chicco Veroli e dal vicepresidente Lorenzo Beverini, al presidente della sezione nuoto Stefano Lanata e al vice presidente Alessandro Malagugini ma soprattutto un grosso grazie va dalla sezione Pallanuoto segretario generale di sezione Gianni Loero che con i suoi ‘rimbrotti’ e i suoi preziosi consigli ci ha aiutato tutti a crescere e ad ottenere il risultato che tanto desideravamo”

“Il ringraziamento più grande però – proseguono da casa biancoblù – va a chi materialmente il risultato lo ha ottenuto, a chi per 10 mesi, tutte le sere ha faticato tantissimo con un impegno che solo veri atleti sanno mantenere, ragazzi che giocano solo per il piacere di giocare, non hanno nessuna ricompensa, godono solo dei loro risultati e del piacere di trascorrere insieme la loro gioventù combattendo sempre uniti uno a fianco all’altro – fa sapere la dirigenza – questa purtroppo la dura realtà per uno sport tanto bello quanto povero come la pallanuoto”

Ecco tutti i ragazzi che hanno contribuito al risultato finale : Bisso Stefano,Briganti Matteo, Cardo Marco, Chiarlo Luca, Costoli Alessandro, Costoli Gabriele, Cotugno Lorenzo, Dallagata Francesco, Gattorno Giovanni, Greco Michele, Greco Pietro, Marenco Matteo, Miceni Filippo, Moraci Davide, Moraci Matteo, Pasero Leonardo, Piccinini Marco, Ristori Giovanni, Santamaria Francesco, Urdi Andrea