Quantcast
In arrivo

Navi delle armi, arrivo ‘posticipato’ a giovedì 20. La Bahri Jazan appena entrata nel Mediterraneo

Il passaggio sotto la lanterna posticipato di tre giorni

Genova. Ancora aggiornamenti sulla questione “nave delle armi”: l’arrivo della Bahri Jazan nel porto di Genova è stato infatti aggiornato al 20 giugno, giovedì, alle 7 di mattina.

La nuova data sostituisce la precedente, secondo la quale il cargo avrebbe fatto il suo ingresso sotto la Lanterna lunedì 17. Al momento la nave viaggia con modesta velocità e ha appena varcato le “colonne d’Ercole”, ovvero lo stretto di Gibilterra, facendo il suo ingresso nel Mediterraneo.

La Bahri Jazan, partita dalla California, è in servizio sulla rotta che dagli Usa porta fino alla Arabia Saudita, caricando armi e strumenti bellici di vario genere, che vengono caricati a bordo anche durante approdi intermedi.

Genova è uno di questi approdi, dove in banchina aspettano alcuni generatori destinati alla logistica militare. Per questo motivo, come nel caso della precedente nave, la sorella Bahri Yambu, sindacati, portuali e attivisti contro la guerra si stanno mobilitando per impedire le operazioni di carico: inizialmente era stato previsto per lunedì un presidio dall’alba sulle banchine, con questo nuovo aggiornamento di tempistiche, è probabile che il presidio sia ugualmente posticipato.

leggi anche
  • Non è finita
    Navi delle armi, il collettivo autonomo lavoratori portuali: “I carichi fatti per uccidere non saliranno a bordo”
  • Contro la guerra
    Navi delle armi, lunedì all’alba in porto a Genova presidio contro la Bahri Jazan
  • 13 giugno
    Navi della guerra, il 17 giugno la gemella della Yambu imbarcherà i generatori sospetti: giovedì assemblea pubblica al Cap
  • Continuare
    Navi cariche di armi, Amnesty International: “Ne arriveranno altre, continuare monitoraggi e collaborazione con portuali liguri”
  • Proteste al via
    Fumogeni e striscioni a ponte Eritrea, i portuali dicono no alla “nave delle armi”
  • Bahri yanbu
    La “nave delle armi” in arrivo a Genova sabato mattina. Cgil, Amnesty e associazioni: “Vietare l’attracco”. Portuali pronti al boicottaggio