Cambio al vertice

Libera Genova, Andrea Macario nuovo referente provinciale

Prende il posto di Chiara Volpato

Corteo libera Genova

Genova. Ieri sera l’assemblea provinciale di Libera Genova ha eletto Andrea Macario come nuovo referente provinciale. Macario, 32 anni, consulente specializzato in privacy, Analisi dati e Strategie di comunicazione digitale e collaboratore dell’Università degli Studi di Genova, è attivista di Libera Genova dal 2012.

Andrea Macario prende il posto della referente uscente Chiara Volpato, operatrice sociale da sempre impegnata nel mondo dell’associazionismo genovese. L’assemblea, che ha visto la partecipazione di oltre 50 persone in rappresentanza delle associazioni, delle organizzazioni sindacali e dei presidi della rete, ha ringraziato Chiara Volpato per il lavoro fatto in questi 7 anni, lavoro che ha consentito alla rete di Libera di crescere a Genova e in Liguria.

“A Chiara va il più profondo e sincero ringraziamento da parte di tutti noi – dicono da Libera Liguria – per la passione, la serietà, la dedizione e la corresponsabilità che hanno contraddistinto il suo impegno. Siamo certi che Andrea Macario sarà all’altezza della sfida, proseguendo nel sentiero d’impegno così ben tracciato da Chiara in questi anni”.

Andrea Macario ha aperto il suo discorso di insediamento ricordando le parole di Don Luigi Ciotti “Siamo coscienti che oggi il volontariato non possa essere solamente “delegato” alla solidarietà. Ma debba essere al contempo denuncia delle cause politico- economiche che generano povertà e emarginazione lasciando campo libero alla criminalità organizzata.”

 

 

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.