Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

I runners liguri dominano il Garbagna Trail Montebore

Esaltanti prestazioni per Corrado Ramorino, Virginia Olivieri e Diego Picollo

Appuntamento imperdibile per gli amanti del trail running quello con il Garbagna Trail Montebore nel piccolo comune del Basso Piemonte che ormai da cinque anni richiama atleti da tutto il nord Italia. Tre distanze e un’atmosfera sempre festosa dalla partenza all’arrivo nel borgo medievale dove a farla da padrone sono musica a tutto volume e tanta frutta fresca tipica di questi luoghi.

Sono ben 337 i classificati su tre distanze: 42, 21 e 10 km formula ormai pressoché fissa in quasi tutte le manifestazioni di corsa su sterrato e nei boschi. Gara comunque molto dura che prevede subito una ascesa lunga e in grado di fare selezione, anche se il vincitore della 42 chilometri, ovvero Corrado Ramorino, non ne avrebbe avuto bisogno. A dir poco esaltante la prova del tesserato BergTeam che conclude in solitaria in 3h44’52” un tempo strepitoso che gli consente di fare il vuoto alle sue spalle. 

I due ottimi altri trail runners sul podio infatti giungono vicini, ma ben distanti dal vincitore. Si tratta di Stefano Pedrazzani dell’Us Scalo Voghera e di Mirko Frabbotta. Basti pensare che Pedrazzani ferma il cronometro sulle 4h01’08” (poco più di un minuto di vantaggio sul terzo). Tanto BergTeam comunque nella classifica dei primi dieci con Davide Ansaldo che conclude al quinto posto, mentre Salvatore Ragonese è decimo. 

Ottima prestazione anche di Michele Rigoni per la Runcard che è quarto, così come di Marco Schiava dell’Atletica Vallescrivia ed Enrico De Ferrari della Sisport che terminano rispettivamente settimo ed ottavo. Sesto invece Ioan Maxim della Grivel, mentre senza squadra, ma comunque molto veloce, Simone Grondona nono classificato.

Vola e si conferma regina del trail Virginia Olivieri che permette al BergTeam di firmare la doppietta con il suo undicesimo posto assoluto senza possibilità di appello. Olivieri chiude in 4h21’59” rifilando qualcosa come 20’ di distacco da una delle podiste più esperte e preparate, ovvero Katia Figini dell’Azalai che è 20^ assoluta. Intorno ai 14’ di stacco ulteriori fra Figini e la terza sul podio, Vera Mazzarello che termina 29^. 

Scendendo nella percorrenza mezzana, si impone un Diego Picollo coriaceo ed estremamente combattivo che dà vita insieme a Simone De Filippi ad un appassionante testa a testa. 1h51’23” per il tesserato Maratoneti Genovesi contro l’1h52’36” del membro della Run4People. Anche qui BergTeam presente con l’inossidabile Ernesto Ciravegna che chiude terzo in 1h59’08”. 

A riprova della presenza di atleti da diverse zone del Nord Ovest vanno registrati il decimo posto di Daniele Bonato dell’Imperia Trail, il quarto di Andrea Tosa dell’Atletica Bernatese, e la doppietta del GP Garlaschesce che piazza Abdel Aziz Meliani al settimo posto e Giorgio Spendore al nono. Ottava posizione per Mauro Giusquiami senza squadra, mentre arrivano vicini Enrico Garré (Atletica Vallescrivia) e Paolo Fiacchi (Zena Runners), primi genovesi al traguardo con i loro quinto e sesto posto.

Meno distacco nella classifica femminile con la vincitrice, Clara Nobile dell’Atletica Iriense Voghera che chiude in 2h18’11” davanti a Silvia Venzano che resta dietro di poco più di 3’. Nettamente più dietro la terza classificata, Silvia Ciciliot dei Trail Runners Finale.

Nella distanza breve, ma corsa sotto un sole estivo che non ha sicuramente aiutato gli atleti, vince chiaramente Gianfranco Cucco della Bio Correndo Avis in 50’12” davanti 4’ a Gianluigi Vettemberge e a Mirko Rigoni del R4P. Anche qui primi dieci al traguardo molto eterogenei a livello di provenienza. Quarta posizione per Angelo Panucci degli Acquirunners davanti ad Emanuele Massoni del GP Garlaschese che piazza anche la vincitrice femminile nella top ten assoluta con Simona Bracciale che è 9^ in 58’26”. 

Sesto Gianfranco Poggi dell’Atletica Novese davanti ad Andrea Ferrarazzo del Gruppo Boggeri Arquata Scrivia. Nono e senza team Fabio Rossi. Al femminile come detto vince la pavese Bracciale davanti a Marta Menditto delle Frecce Bianche Triathlon (12^ in classifica generale) e a Valentina Cavallin della Bio Correndo che è 23^.

Anno importante questo per la manifestazione che ha introdotto anche la staffetta sulla distanza più lunga di 42 km. Due frazionisti che si sono divisi equamente il tracciato. Come prevedibile il gap dai primi agli ultimi è stato piuttosto evidente con dieci coppie partecipanti. Vincono Enrico Ponta e Valerio Ottoboni in 3h52’08” davanti alla coppia mista formata da Andrea Mattiucci e Anna Grignaschi che fissano il tempo in 4h03’32” e ad Alberto Furia e Carlo Semino che invece restano fermi a 4h17’42”.

Classifica popolata per la maggior parte da coppie maschili. Quarta posizione per Paolo Sturla e Gianni Alterni, sesta per Giorgio Rosso e Maurizio Campi, ottava per Nicola Cutila e Davide Fontana e decima per Franco Perich e Gianni Ferrarotti. Ottima gara del duo misto composto da Rosa Milazzotto e Paolo Zanchi che termina al quinto posto. Settimi invece Roberto Pittaluga e Monica Elena Castioni. Chiudono invece none le uniche due donne in coppia partecipanti: Barbara Meinero e Carlotta Rei.