Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Federagenti, assemblea nazionale: “Ecco perché senza il mare l’Italia non ha chance” foto

Gian Enzo Duci, presidente genovese dell'associazione ha parlato degli scenari da evitare

Più informazioni su

Ancona. Far valere, se non addirittura imporre, alla politica l’importanza e la valenza strategica del settore portuale. “Cinque giorni di chiusura dei porti e il paese resterebbe senza benzina, dieci e le merci sparirebbero dagli scaffali dei supermercati, quindici e sarebbe il collasso totale del sistema Paese”.

Così Gian Enzo Duci, al termini di un’assemblea che ha spinto Federagenti anche a oltrepassare i confini del settore marittimo cercando sul tema della spirale negativa, causata da una politica inadeguata e da una burocrazia dominante, anche il confronto con due opinionisti come Luca Telese e Giannantonio Stella, ha concluso l’assemblea pubblica svoltasi oggi ad Ancona.
Un’assemblea che è stata l’occasione per lanciare un decalogo “sblocca mare” che facesse emergere le emergenze e le possibili soluzioni in grado di risolverle.

Duci ha chiamato a confronto anche alcuni componenti di spicco del cluster marittimo. Il Comandante Generale Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Giovanni Pettorino si è espresso favorevolmente all’istituzione di un soggetto (un sottosegretario ad hoc?) presso la Presidenza del Consiglio nel quale polarizzare le competenze sul mare e sullo spazio marittimo.

Stefano Messina, Presidente di Assarmatori, ha rimarcato a livello di organismi di guida dell’Unione europea la situazione sia ancora peggiore rispetto a quella italiana, con problematiche del settore mare drasticamente sottovalutate; ha inoltre invitato a valutare un ruolo più importante in questo settore della Cassa Depositi e Prestiti.

Per Mario Mattioli, Presidente di Confitarma, il cluster marittimo è debole perché continua a essere diviso e incapace di presentare strategie e proposte unitarie.

Infine per Mauro Coletta, Direttore Generale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il tema delle deleghe e delle responsabilità è un problema da affrontare a fondo.