Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Electropark, l’amo della musica elettronica per portare 10.000 giovani alla scoperta di Pré foto

I dati, raccolti in base ai biglietti venduti e a questionari, mostrano le notevoli dimensioni dell’impatto culturale del festival negli ultimi tre anni

Genova. Sono diecimila i giovani che Electropark, festival internazionale di musica elettronica e sperimentazione artistica, ha portato nel quartiere di Prè nelle ultime tre edizioni.

I dati sono stati raccolti in base ai biglietti venduti e a questionari posti ai partecipanti, e mostrano le notevoli dimensioni dell’indotto culturale di Electropark, che ha saputo portare in un quartiere difficile migliaia di persone che difficilmente avrebbero avuto modo di visitarlo.

Nato con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio artistico genovese attraverso la musica elettronica, Electropark nel 2016 ha scelto di lavorare con e sul quartiere di Prè, nel tentativo di riqualificare una zona nota per marcati problemi di coesione sociale tra comunità. «Un obiettivo che – racconta Alessandro Mazzone, presidente di Forevergreen.fm e direttore di Electropark – possiamo dire di aver perseguito con tenacia: dal 2016 abbiamo portato diecimila persone a Prè, per lo più giovani e che non avevano mai visitato luoghi del festival come la Commenda di Prè, il Mercato dei Pescatori o la Chiesa di San Giovanni di Prè».

Facendo rete con le attività culturali, commerciali e turistiche della zona, Electropark ha saputo attrarre un pubblico “nuovo” a Prè. “Dai dati raccolti nel 2017 e 2018 – precisa Mazzone – un partecipante su tre (il 30%) non era di Genova, mentre due su tre (il 64%) hanno dichiarato di non frequentare abitualmente il quartiere”.

«Electropark è fra quelle realtà – afferma Barbara Grosso, assessore al Marketing Territoriale, alle Politiche Culturali e alle Politiche per i Giovani del Comune di Genova – che l’amministrazione comunale ha contribuito a far crescere, dopo gli inizi negli spazi dedicati alla creatività giovanile di Sala Dogana, è oggi un festival a livello internazionale, capace di integrare giovani, cultura e territorio attraverso la musica elettronica e la sperimentazione artistica coinvolgendo importanti artisti e attirando un nuovo pubblico. Un’energia importante per la città che si cala in spazi inconsueti valorizzandoli e creando opportunità”.

Ideato da Forevergreen.fm e sostenuto dalla Compagnia di San Paolo nell’ambito di Performing Arts e dal Goethe-Institut, Electropark è un progetto culturale la cui visione è la valorizzazione di edifici e luoghi del Centro Storico genovese e l’attivazione di comunità per accendere opportunità di sviluppo locale attraverso la musica elettronica e contemporanea. «Tutta l’amministrazione – aggiunge Paola Bordilli, assessore al Turismo, Commercio e Artigianato del Comune di Genova – sta lavorando moltissimo sull area di Pré e via Gramsci e in questa logica appoggia manifestazioni che valorizzano l’area e ne permettono la vitalità».

«Il dialogo con il territorio – spiega Nicoletta Viziano, Presidente del Mu.Ma – che in questi mesi stiamo portando avanti con gli assessori Simonetta Cenci e Paola Bordilli è la dimostrazione di come si possano fare eventi e iniziative per riqualificare la zona di Prè, rimasta per anni quasi abbandonata. La linea è stata tracciata con la collaborazione delle associazioni e dei cittadini: sono sicura che il flusso turistico aumenterà sempre di più. Quando i croceristi sbarcano arrivano quasi per caso a Prè ne rimangono affascinati e incuriositi, a dimostrazione delle potenzialità che ha la zona».

In attesa del festival di ottobre, gli eventi targati Electropark proseguono con “Fish & Djs” al Mercato dei Pescatori della Darsena (14 e 28 giugno, 12 luglio) e con il concerto delle Mandolin Sisters in cartellone al Suq Festival (22 giugno).

Electropark è ideato da Forevergreen.fm ed è promosso con il sostegno del Comune di Genova, della Compagnia di San Paolo nell’ambito del programma Performing Arts e del Goethe-Institut Genua, ed è realizzato in collaborazione con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, Teatro Nazionale di Genova, Teatro della Tosse, Mu.MA, Cooperativa Solidarietà e Lavoro, Palazzo Reale Mibac, Suq Festival, Porto Antico, Le Strade del Suono e Coldiretti Pesca.