Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Camogli-Palermo, Temellini: “Sono stati più cinici e più freddi di noi nel momento decisivo”

L'allenatore: "Credo che possiamo andare là e giocarci la nostra partita per portarli alla terza"

Camogli. Dopo aver vinto la stagione regolare e superato il primo turno dei playoff, la Rari Nantes Camogli affronta il Telimar Palermo per un posto in Serie A1.

rari

Gara uno non è stata favorevole ai bianconeri, sconfitti per 8 a 11 nella piscina di casa, per la prima volta in questa stagione. Il Camogli si era anche portato sul più 3. “Poi – commenta al termine della partita l’allenatore Angelo Temelliniabbiamo preso due gol che forse ci hanno demoralizzato; in tutta onestà abbiamo avuto le occasioni con l’uomo in più per andare avanti e le abbiamo sbagliate, invece loro le occasioni che hanno avuto le hanno sfruttate, quindi sono stati più cinici e più freddi di noi nel momento decisivo. Complimenti al Palermo”.

Credo che possiamo andare a Palermo – prosegue Temellini – e giocarci la nostra partita per portarli poi qui alla terza, la bella dove ci giocheremo tutto. La mia squadra vale almeno quanto la Telimar, quindi non sarà il campo che può influire; le qualità delle squadre dal mio punto di vista si equivalgono. Se riusciremo ad eliminare errori che abbiamo commesso oggi, probabilmente ce la giocheremo fino all’ultimo“.

La piscina, ancora una volta, era piena e nel finale, nonostante il risultato, c’è stato un lungo applauso per la squadra. “L’obiettivo è tornare qui tra una settimana – sottolinea l’allenatore -. Come ho sempre detto questi ragazzi dimostrano di dare tutto per questa squadra e questa società e il pubblico lo percepisce. Di conseguenza, un pubblico così caloroso ci dà quella carica necessaria per andare anche oltre le difficoltà che si presentano durante la partita: è un connubio che funziona, non solo tra squadra e pubblico ma anche con tutto il paese. In questi giorni girando per Camogli si vedeva la manifestazione d’affetto della cittadina verso questi ragazzi, che se la meritano tutta“.

Benissimo con l’uomo in più per tre tempi, male nel quarto. “Tutto parte dalla testa, dobbiamo avere più coraggio, più voglia e forza di fare ancora un passaggio e di non dare cose per scontate e seguire pedissequamente lo schema. Dobbiamo mettere qualcosa in più noi stessi, nelle qualità che ogni singolo giocatore ha, forse anche più di quello che crede, e di conseguenza lo schema, che è la base, funziona ancora di più. Alla fine forse è mancato un po’ questo, mentre il Palermo l’ha avuto. Complimenti a loro – conclude Temellini -, hanno meritato”.