Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alberto Corradi, una scelta di vita

Il valzer delle panchine è cominciato, prendete nota, presidenti e direttori sportivi, sul mercato c'è il tecnico, ex Genoa

Più informazioni su

Arenzano. “Dobbiamo abituarci all’idea che ai più importanti bivi della vita non c’è alcuna segnaletica” (Ernest Hemingwey) ma anche che “prima o poi arriva l’ora in cui bisogna prendere una posizione, che non è né sicura, né conveniente, né popolare, ma bisogna prenderla perché è giusta (Martin Luther King)…

Ecco due aforismi, che fotografano la scelta di vita di Alberto Corradi, mister arenzanese, che ha vissuto la favola calcistica di sedere (da primo collaboratore di Ivan Juric) sulle panchine professionistiche di Mantova, Crotone e Genoa, con un “jamp up” incredibile, dopo le esperienze con il Libraccio Arenzano (portato dalla Seconda alla Prima Categoria) e col Varazze (Promozione, salvezza ai play out) e poi – per dirla alla Johnny Depp, in “Blow” ha deciso che “la vita è una questione di scelte… giuste o sbagliate che siano, ciò che importa è chesiatu a scegliere”.

Sentiamo che racconta ai taccuini di Ge24, sorseggiando un drink al porticciolo di Arenzano…

“Mi ritengo fortunato, per aver potuto assaporare e respirare, a pieni polmoni,  il mondo calcistico a livello professionistico, nel periodo in cui ho collaborato con Ivan Juric, vivendo anni splendidi, che mi hanno arricchito sia come uomo, che come sportivo, ma  dopo una attenta riflessione ho preferito tornare alla vita di tutti i giorni, accanto alla mia famiglia, riprendendo ad insegnare italiano e storia”.

E qui calza, a quanto pare, un’altro aforisma, del motivatore americano Denis Waitley: “Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle…”.

Alberto Corradi, così, racconta il ritorno alle origini, che ha deciso di intraprendere, scegliendo di abbinare, ancora, il calcio al lavoro in “cattedra”.

“Mi porto dietro tanta esperienza, che cercherò di trasmettere alle squadre dilettanti, che spero di allenare in futuro; sono carico e motivato e mi auguro di ricevere proposte da società, che abbiano voglia di avvalersi della mia professionalità e del mio modo di intendere il calcio”.

Visto che il valzer delle panchine è cominciato, prendete nota, presidenti e direttori sportivi… mister Alberto Corradi è uomo di grandi valori e capacità tecniche, che lo faranno entrare nell’elenco dei più bravi e ricercati tecnici del panorama calcistico ligure.

Ultima citazione, di Luca Vialli, questa volta: “Un grande allenatore deve essere lui stesso un leader, ma deve creare altri leader, che in campo riproducano idee, valori, carattere…”.