Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Via Polonio, gli inquilini: “Le nostre case cadono a pezzi, chiediamo un’asfaltatura”. Il municipio: “Lavori in arrivo” foto

Dopo il crollo di ponte Morandi, sulla già trafficata via Ugo Polonio, specialmente dopo la riapertura di via 30 Giugno e di corso Perrone, il traffico è aumentato sensibilmente.

Genova. Da anni denunciano una difficoltà di convivenza con quella che è una delle principali arterie di traffico della Valpolcevera ma ultimamente la situazione sembra essere precipitata. Almeno tre inquilini del civico 22 di via Ugo Polonio, sulla sponda sinistra del torrente Polcevera, dicono di aver registrato danni all’interno delle loro abitazioni, intonaco che si stacca, crepe piuttosto preoccupanti, e una delle ipotesi è che quei cedimenti siano legati al continuo passaggio di mezzi (pesanti e non) sulla strada che scorre sotto casa.

“Chiediamo da tempo una riasfaltatura della strada – dicono dal condominio – perché le vibrazioni sono maggiori a causa del fondo dissestato”. La buona notizia, adesso, è che il municipio Valpolcevera ha confermato che l’asfaltatura è nel piano di interventi di Aster del 2019 e sarà effettuata presto (ancora non ci sono tempi precisi però). La notizia “cattiva” è che è ancora del tutto da chiarire se le condizioni dell’asfalto siano realmente alla base dei cedimenti. “La nostra area tecnica in questi giorni farà un sopralluogo per verificare la situazione – dichiara Federico Romeo, presidente del municipio – poi comunque l’asfaltatura sarà fatta, abbiamo chiesto espressamente ad Aster si inserire anche quel tratto e di realizzare uno strato spesso per evitare che la soletta sia troppo sollecitata”.

Da parte della pubblica amministrazione anche l’invito agli inquilini e all’amministrazione di condominio a far effettuare un’eventuale perizia. “Da fuori non ci sono danni visibili – continua Romeo – speriamo che come accaduto a Rivarolo l’asfaltatura possa ridurre sensibilmente le vibrazioni al passaggio dei mezzi”.

Dopo il crollo di ponte Morandi, sulla già trafficata via Ugo Polonio, specialmente dopo la riapertura di via 30 Giugno e di corso Perrone, il traffico è aumentato sensibilmente.