Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ubriaco e a tutta velocità in A26, autista genovese di pullman turistico fermato e denunciato dalla polizia stradale

Quando è sceso dal mezzo puzzava di vino e quasi barcollava

Genova. Un forte odore di vino e difficoltà a mettere un passo dietro l’altro. Questo è come si è presentato l’autista di un pullman turistico dopo che la polizia stradale di Ovada ha fermato il mezzo per un controllo.

E’ successo venerdì pomeriggio sulla A26 poco dopo Ovada in direzione Genova: la pattuglia che stava operando ordinaria vigilanza sulla tratta, ha notato il mezzo che procedeva a forte velocità. Una volta raggiunto gli agenti hanno notato anche un andamento particolarmente irregolare e pericoloso.

Una volta fermato, superato l’impatto con l’alito vinoso, è arrivata la conferma dell’etilometro: l’uomo, un 52enne genovese, aveva un tasso alcolemico, alla prima misurazione, pari a 2,0 grammi sul litro. Va ricordato che per per tale categoria di conducenti professionali, così come per i conducenti neopatentati, il tasso alcolemico consentito è zero.

Per questo motivo all’autista veniva subito ritirata la patente di guida per la successiva revoca e scattava la denuncia alla Procura della Repubblica di Alessandria per guida in stato di ebbrezza.

Per i 30 turisti stranieri tra cui 8 bambini, provenienti dall’aeroporto di Malpensa e diretti a Genova, quindi pericolo scampato: dopo aver ringraziato gli agenti, sono stati portati a destinazione da un nuova autista, sobrio, fatto giungere sul posto dalla ditta.