40 quesiti

Ponte Morandi, domani il secondo incidente probatorio sulle cause del crollo

Sfollati ponte Morandi, le operazioni di recupero dei beni nelle abitazioni

Genova. C’è attesa per domani, a Palazzo di Giustizia a genova, per l’udienza del secondo incidente probatorio, chiesto dalla procura nell’ambito dell’inchiesta sul crollo del ponte Morandi. Si tratta dell’udienza dedicata principalmente all’analisi delle cause che hanno provocato il collasso del viadotto autostradale, mentre il primo incidente probatorio era, invece, più legato allo stato della struttura.

Le parti, quindi, si confronteranno in merito ai quesiti predisposti dalla procura, che sono oltre quaranta. Si parlerà della corrispondenza del viadotto al progetto originario, della possibilità di difetti di costruzione, di deterioramento legato agli anni, di manutenzione, informazione sullo stato del ponte e relativi controlli, insomma tutte le tematiche più calde e che, in concorso, possono aver determinato la tragedia.

Per capire quanto sarà importante questo secondo incidente probatorio, basti pensare che di fatto sarà una sorta di processo in miniatura e che l’esito potrebbe condizionare pesantemente – come una prova vera e propria – la decisione dei giudici alla fine del processo vero e proprio. I quesiti saranno discussi in contradditorio, tra le varie parti, con i relativi periti.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.