Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

No alla cessione di un ramo d’azienda, stato di agitazione al Rina

Assemblea dei lavoratori annunciata per il 14 maggio. Dall'azienda rassicurazioni sulle prospettive

Più informazioni su

Genova. I sindacati dei lavoratori del gruppo Rina, Cgil, Cisl e Uil, esprimono preoccupazione per alcune voci che parlando di una possibile cessione di un ramo di azienda che interessa circa quaranta lavoratori del settore Energy.

Per questo è stata dichiarata l’apertura dello stato di agitazione e convocata un’assemblea generale con presidio di tutti i lavoratori del gruppo Rina per il 14 maggio, dalle 8e30, nella sede della direzione generale in via Corsica.

Il 18 marzo sindacati e rsu si erano incontrati con l’azienda e hanno dato la disponibilità al confronto in merito alla situazione del settore in oggetto a condizione che venisse esclusa,  tra le possibilità, la cessione del ramo di azienda in ogni sua forma. L’azienda si è impegnata a tenere informati i lavoratori sugli eventuali sviluppi. In data 22 marzo le OO.SS e le RSU hanno incontrato i lavoratori in assemblea. Dopo ampia discussione, l’assemblea ha confermato all’unanimità la posizione che la cessione di ramo  debba essere tassativamente esclusa. Nel mese di maggio le OO.SS , sempre per le vie informali, hanno saputo di un incontro tra i dirigenti del Gruppo Rina e i possibili acquirenti, un’azienda di medio-piccola dimensione non radicata sul territorio, e dello stato avanzato delle trattative che sembrerebbero prossime alla conclusione.

Oggi si è svolta l’assemblea dei lavoratori interessati che si sono dichiarati fortemente preoccupati per il loro futuro lavorativo anche a causa dei problemi che questa situazione di incertezza  sta provocando alle attività in essere e ai rischi relativi alle attività in prospettiva.

In merito alle proteste il Rina precisa che: “Sono allo studio azioni mirate ad assicurare prospettive di equilibrio e continuità al business del detail design nel mercato della generazione dell’energia. In quest’ottica è anche aperto un dialogo con realtà che operano in questo settore per analizzare ogni opportunità che possa garantire al comparto aziendale la massimizzazione della propria efficacia e competitività”.

Inoltre l’azienda conferma “il proprio impegno a mantenere informate le Organizzazioni Sindacali in funzione dell’evoluzione del disegno industriale, così come del resto già assicurato in occasione dell’ultimo incontro”.