Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Marassi, la scala tra passo Bracelli e piazza Guicciardini venduta ai privati. Parte la raccolta firme per il ripristino

Il passaggio, molto utilizzato, ora è chiusa da cancelli

Genova. Il Comune di Genova lo scorso 23 gennaio ha venduto a privati per una cifra irrisoria, la scala di collegamento fra passo Bracelli e via del Camoscio e quindi piazza Guicciardini.

Il tratto, molto utilizzato dagli abitanti della zona per raggiungere i negozi, i supermercati e le fermate dei mezzi pubblici, ora è chiuso da due cancellate a cui hanno accesso solo i frequentatori della palestra che nel frattempo è divenuta proprietaria della scalinata.

Secondo il gruppo consiliare e municipale del Partito Democratico questa scelta è stata fatta “senza avvisare né la popolazione né il Municipio Bassa Valbisagno, l’unica informativa inviata dal Comune al Municipio, in data 23 gennaio, riguardava l’estinzione della servitù sul lastrico solare, senza menzionare l’estinzione della servitù di passaggio sulla scala”.

Il presidente del Municipio Bassa Valbisagno Massimo Ferrante in data 22 marzo ha mandato una lettera al sindaco Bucci e all’assessore Piciocchi per chiedere un incontro con la cittadinanza interessata, “lettera a cui non ha fatto seguito alcuna risposta”, precisano.

Di fronte a questa situazione recepita dai cittadini come inaccettabile, è iniziata una raccolta di firme cui seguirà un incontro pubblico convocato su iniziativa degli abitanti di Marassi.

I gruppi consiliari Chiamami Genova – Putti Sindaco, Partito Democratico, A Sinistra, Genovesi, Noi con Massimo Ferrante, Uniti per la Bassa Valbisagno in data odierna hanno presentato una mozione – a firma Brunella Fornasari, Stefano Boilini, Marco Del Gatto, Giancarlo Ceregini, Armando Marini, Oriana Cipparoli – sull’estinzione servitù di uso pubblico in passo Bracelli al Municipio III Bassa Valbisagno.

Iniziativa simile è stata presa dal gruppo consigliare del Partito Democratico: nell’interrogazione si chiedono con urgenza all’assessore al Patrimonio Pietro Piciocchi, nell’interesse di tutti i cittadini, spiegazioni su questa decisione e l’immediato ripristino della servitù a uso pubblico in passo Bracelli.