Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La giunta di Tursi verso il rimpasto: probabile una poltrona in più per la Lega e una in meno per Forza Italia

Fanghella, Vinacci, Fassio e Viscogliosi i nomi in bilico. Dentro? Fontana, Paglialunga e un possibile assessorato vero per Gambino

Genova. Potrebbe arrivare a breve l’atteso rimpasto nella giunta Bucci. Il sindaco ci pensa parecchi mesi ma l’attesa per l’esito delle Europee era comunque d’obbligo. Proprio un mese fa Bucci in un’accesa riunione di Giunta aveva ricordato senza giri di parole ai suoi assessori: “Solo tre di voi mi sono stati imposti, gli altri la mia fiducia devono continuare a guadagnarsela giorno dopo giorno”.

I nomi a rischio circolano già da mesi: si tratta anzitutto dell’assessore leghista ai lavori pubblici Paolo Fanghella, spesso in contrasto con lo stesso Bucci, e che più volte avrebbe minacciato le dimissioni. Il secondo nome è quello dell’assessore allo sviluppo economico di FI Giancarlo Vinacci ma anche quello dell’assessore al personale e alle pari opportunità Arianna Viscogliosi e dell’assessore alle politiche sociali di FI Francesca Fassio. Ancora: Bucci vorrebbe togliere al vicesindaco Stefano Balleari la delega alla Mobilità per assegnargliene una più leggera: cambio che non dispiacerebbe allo stesso vicesindaco, che manterrebbe invece l’incarico politico.

Con le Europee la Lega ha raddoppiato i voti rispetto alle Comunali di due anni fa ed è pronta a chiedere un assessorato in più o comunque almeno a non vedersi fatta fuori dagli assessorati di peso: se dovesse saltare Fanghella la sostituzione con la capogruppo Lorella Fontana sembra abbastanza scontata. Se la Lega volesse un posto in più potrebbe proporre al sindaco alle politiche sociali o al personale o la giovane consigliera Francesca Corso o più probabilmente l’assessore del municipio Levante del Carroccio Sonia Paglialunga che di professione fa la consulente del lavoro

Se FI che ha perso quasi due punti percentuali conta due assessori e tre consiglieri delegati uno dei posti l’assessorato allo sviluppo economico potrebbe tenerselo lo stesso sindaco per giocare in prima persona partite come la riqualificazione del quadrilatero di via XII Ottobre con la desertificazione commerciale creata dalla chiusura di Rinascente, Moody e locali collegati.

Se la Lega cresce e Forza Italia crolla, cresce (anche se a Genova non moltissimo) Fratelli d’italia che in giunta ha un unico assessore (il vicesindaco Balleari appunto) e il consigliere delegato alla protezione civile Sergio Gambino a cui a due anni da una delega decisamente pesante sopratutto dopo i fatti di ponte Morandi, non dispiacerebbe che il suo impegno trovasse un riconoscimento in un assessorato vero, magari proprio la mobilità che lo stesso Balleari cederebbe volentieri.