Ex Ilva, sindacati dietro le barricate: "Nessuno sconto per ArcelorMittal, investimenti e piena occupazione" - Genova 24
Non un passo indietro

Ex Ilva, sindacati dietro le barricate: “Nessuno sconto per ArcelorMittal, investimenti e piena occupazione”

"Abbiamo firmato un accordo a settembre 2018 di cui il Governo ed in particolare il Ministro Di Maio sono garanti"

Sciopero Ilva 6 novembre

Genova. “Le annunciate difficoltà del mercato siderurgico non possono in nessun modo mettere in discussione gli impegni di ArcelorMittal in Italia e a Genova”. A dirlo Bruno Manganaro, segretario generale Fiom Cgil Genova, commentando le ultime notizie sui marosi del mercato del settore.

“Abbiamo firmato un accordo a settembre 2018 di cui il Governo ed in particolare il Ministro Di Maio sono garanti ed è sempre in vigore l’Accordo di Programma per Genova – aggiunge – Vanno garantiti tutti gli investimenti necessari per la banda stagnata, la logistica e le zincature e vanno rispettati gli impegni occupazionali garantendo il rientro di tutti i lavoratori che ancora oggi sono in cassa integrazione. La siderurgia ha ciclicamente flessioni e risalite, e nelle flessioni il gruppo più grande del mondo deve mantenere i propri impegni e le proprie capacità di sviluppo”.

Per il sindacato, quindi, non si può in alcun modo tornare indietro rispetto a quanto concordato dopo la lunga vertenza: “Per Genova ribadiamo che l’Accordo di Programma lega le aree con i livelli occupazionali, un Accordo che ArcelorMittal ed il Governo hanno più volte dichiarato di voler rispettare e sul quale non faremo sconti, mantenendo alta l’attenzione”.

Bruno Manganaro Segretario Generale Fiom Cgil Genova