Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Europee 2019, l’unico ligure in lista per Forza Italia è Massimiliano Grimaldi

E' esperto in diritto dei trasporti, prova ad entrare in parlamento a Bruxelles

Genova. Massimiliano Grimaldi, avvocato genovese, è l’unico ligure presente nella lista dei candidati da Forza Italia nella circoscrizione nord occidentale che include Liguria, Lombardia, Piemonte e Val d’Aosta.

“Abbiamo deciso di attingere al mondo dei professionisti della società civile per individuare il candidato ligure al Parlamento europeo – ha detto il coordinatore regionale Senatore Sandro Biasotti ieri a Villa Gernetto – perché per provare a rendere l’Italia più forte e autorevole in Europa è fondamentale disporre di competenze elevate. La nostra scelta è ricaduta sull’Avvocato Massimiliano Grimaldi per il suo alto profilo professionale in materie cruciali per la Liguria e l’Italia come i trasporti, il turismo e le infrastrutture”.

Massimiliano Grimaldi è specializzato in Diritto dei trasporti, è Professore a contratto in Yachting Law all’Università degli Studi di Genova, Dipartimento di Economia, è stato insignito del premio di Avvocato dell’anno in Diritto dei trasporti nell’ambito del Le Fonti Legal Awards 2017 organizzato con il patrocinio della Commissione europea ed è stato di recente riconosciuto Esperto giuridico ad alto livello di specializzazione dalla Autorità di Regolazione dei Trasporti.

“Ha inoltre partecipato in passato – continua Biasotti – in qualità di esperto ai lavori parlamentari per la revisione della normativa portuale ed ha svolto studi per conto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti in relazione al recepimento di alcune direttive comunitarie. Confido quindi che i liguri vogliano premiare questa nostra scelta di qualità esprimendo il voto di preferenza a Massimiliano Grimaldi, unico nostro rappresentante sul territorio”,

“Ho accettato volentieri la candidatura – ha detto Grimaldi – poiché ritengo che anche i professionisti della società civile come me abbiano il dovere civico di provare a contribuire, attraverso le proprie competenze, al miglioramento delle politiche europee in favore dell’Italia e a rendere, così, il nostro Paese più incisivo ed autorevole in Europa.”