Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Commemorazione Venturini, denunciati militanti di estrema destra per l’attacchinaggio notturno dei manifesti

Mentre attaccavano tra piazza Rossetti alla Foce e Albaro manifesti per la commemorazione prevista per domani di Ugo Venturini

Genova. Tredici militanti di estrema destra, esponenti di Casapound e Lealtà azione sono stati fermati questa notte dalla polizia mentre attaccavano tra piazza Rossetti alla Foce e Albaro manifesti per la commemorazione prevista per domani di Ugo Venturini, il militante dell’MSI ucciso nella primavera del 1970 da una bottigliata mentre partecipava a un comizio di Giorgio Almirante. Sul posto le volanti e la digos: i militanti di estrema destra sono stati tutti portati in Questura e otto di loro sono stati denunciati. Il manifesto, scritto in pieno stile da “ventennio” è non a caso firmato “I camerati”.

Per domani è previsto l’arrivo a Genova di 100-150 esponenti delle principali sigle dell’estrema destra, da Casapound a Lealtà Azione da Azione Frontale a Veneto fronte skinhead. Si tratterà per lo più di esponenti genovese e liguri ma non è escluso al momento l’arrivo del leader di Casapound Gianluca Iannone. L’appuntamento è alle 11 in piazza della Vittoria per recarsi ai giardini di Brignole dove è posizionata la targa dedicata a Venturini. Gli antifascisti hanno deciso di rispondere a quella che considerano una provocazione con un presidio e si sono dati appuntamento alle 9 in piazza Verdi.

“Chiamiamo tutte\i le\gli antifasciste\i alla mobilitazione sabato 4 maggio alle ore 9,00 presso i giardini di Piazza Verdi in risposta al vergognoso raduno fascista che si terrà in Piazza Della Vittoria – scrivono gli antifascisti – I camerati, come si sono definiti senza nessun pudore nel manifesto dell’evento, con l’autorizzazione della questura, si ritroveranno per ricordare il missino Venturini”.

“L’antifascismo non si pratica solo il 25 aprile l’antifascismo si pratica tutti i giorni” dicono ancora chiedendo di “scendere in piazza uniti, compatti, numerosi e determinati”.