Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Spaccio e furto, doppio arresto per la Polizia locale in collaborazione con la Polizia di stato

Effettuati in centro storico e a Sampierdarena

Più informazioni su

Genova. Gli agenti della polizia locale hanno effettuato due arresti nella giornata di ieri, uno per spaccio e il secondo per furto.

Il primo è stato portato a termine dagli operatori del reparto vivibilità e decoro, nei confronti di un cittadino trentaduenne, con diversi precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, per violazione reiterata del divieto di dimora nel comune di Genova.

L’uomo, che era stato già arrestato lo scorso 20 marzo dalla Polizia di stato e sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora, è stato poi trovato in città in violazione del divieto per cinque volte successivamente al primo arresto. Per questi motivi l’autorità giudiziaria ha disposto l’aggravamento della sanzione con la misura della custodia in carcere.

Ieri pomeriggio gli agenti della Polizia Locale lo hanno trovato in vico dietro il Coro di S. Cosimo. L’uomo è stato immediatamente arrestato e tradotto presso la casa circondariale di Marassi.

Il secondo arresto è stato fatto a Sampierdarena, poco prima delle 16, da una pattuglia del secondo distretto, in transito nella via Milano dove, all’altezza del terminal ha visto un uomo fuggire inseguito da una guardia giurata.

Gli agenti sono partiti all’inseguimento e hanno bloccato il fuggitivo, identificato come un cittadino di 29 anni L’uomo era stato scoperto poco prima da una commessa mentre compiva un furto all’interno di un esercizio commerciale del vicino shopping centre della stazione traghetti.

L’addetto della sorveglianza privata in servizio presso il centro commerciale ha provato a impedirgli la fuga ma il giovane, dopo averlo spintonato, è fuggito fuori, dove è stato intercettato dalla Polizia Locale che lo ha arrestato e tradotto in custodia presso la questura. Questa mattina l’arresto è stato convalidato nel processo per direttissima, che ha imposto all’uomo l’obbligo di firma.