Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Sampierdarenese crolla: Bogliasco ad un passo dalla promozione risultati

I lupi vengono sconfitti dal Via dell’Acciaio mentre la capolista travolge il Borgo Incrociati. In coda si rianima la corsa playout.

A due giornate dalla fine del campionato il Bogliasco mette la più seria delle ipoteche sulla vittoria della Prima categoria Girone C sfruttando alla perfezione il ko della Sampierdarenese per salire a +6 sui lupi che ora dovranno vincere entrambe le partite a disposizione sperando che un biancorossi subiscano due ko (gli scontri diretti sono a favore dei sampierdarenesi).

Via dell’Acciaio che non fa sconti e trova tre punti che mantengono i blugranata non solo al quinto posto, ma consentono anche ai ragazzi di Pecoraro di poter ambire persino a scalzare la stessa Sampierdarenese dal secondo posto (Lupi che conservano 3 punti sui sestresi). La gara si sblocca solo nel secondo tempo con De Vincenzo che fredda Traverso con un tiro che non trova opposizione da parte dell’estremo difensore ospite infilandosi sotto l’incrocio dei pali. 

Passano sei minuti e il Via dell’Acciaio raddoppia in contropiede con Colella che infila una difesa biancorossoneri sbilanciata in avanti con un bel colpo di testa. Ospiti in difficoltà che provano a riaprirla al 70° con Rebora che fa tutto da solo e lo fa bene mettendo la palla sul palo lontano dove Loprete non può arrivare. Proprio l’estremo difensore locale è provvidenziale in due occasioni. Prima sul colpo di testa di Beccaris, poi sul tiro angolato di Radi. Finisce 2-1 per il Via dell’Acciaio che soffia così sulla fiamma delle speranze sampierdarenesi, ormai quasi spenta.

Il Bogliasco infatti non sbaglia e travolge un Borgo Incrociati ormai rassegnato ai playout, ma che potrebbe comunque migliorare la propria posizione di classifica, cosa non da poco in ottica spareggi. La gara si sblocca già al 9° con un gran tiro al volo di Cimieri che buca Olguin. Al 19° sfortunata deviazione di Barabino che batte il proprio portiere e consente ai biancorossi di andare al riposo sul 2-0. Nella seconda parte di gara il Borgo si scopre, il Bogliasco attende e colpisce al 51° con Belfiore, che replica tre minuti dopo in un’azione insistita e fortunata. Al 69° arriva il quinto gol di Milici che scatta in contropiede e batte Olguin in pallonetto. Non è finita perché il “cappotto” lo firma Vacca, ancora in contropiede. 6-0 che sa tanto di Promozione.

Prosegue la lotta anche per la salvezza e per i piazzamenti ai playoff. Il Pieve Ligure si toglie una bella soddisfazione trovano la seconda vittoria di stagione contro un Prato che forse sottovaluta l’impegno e viene sorpreso in casa perdendo così l’occasione per scavalcare il Vecchio Castagna e soprattutto per mantenere 8 punti dalla penultima.  Gara che inizia un po’ lenta, per poi decollare al 25° quando bomber Ruocco batte Cellerino con un tocco sotto misura su cross dalla fascia. 

Il Prato reagisce e riesce a ribaltare il parziale andando al riposo in vantaggio. Al 35°  Canepa riceve al limite e calcia potente e preciso per il pareggio rossonero. Al 43° colpisce Angotti invece che ribalta il risultato e fa sperare il Prato. In avvio di ripresa i padroni di casa allungano con Dellagiovanna e il risultato sembra acquisito, ma da qui inizia la clamorosa rimonta pievese che accorcia al 60° con Zinnari e pareggia al 76° con Garaventa. Si arriva all’80° e Zirulia firma l’incredibile 3-4 per il Pieve che vince con grande onore nonostante la retrocessione matematica.

Tornando ai piani alti arriva il colpaccio del San Cipriano che vince sul San Bernardino e sale al terzo posto, scalzando la Caperanese. Accade tutto nella ripresa con i padroni di casa che vanno avanti per primi con Bertulla che raccoglie un cross dalla fascia e firma l’1-0 che, però dura pochissimo perché un minuto dopo, al 53° Rizqaoui pareggia immediatamente i conti e dopo ulteriori tre minuti Mattiucci ribalta tutto per l’1-2 che cambia le dinamiche della gara. Al 77° infatti Lipardi cala il tris con un tiro che viene anche deviato e beffa De Gregorio. 

Cade la Caperanese che quindi, come suddetto, perde il terzo posto a causa della vittoria della Ruentes nel derby levantino che consente ai bianconeri di tenere vive le speranze di un posto ai playoff per i ruentini. Ruentes che trova il gol al 29° con Pons su calcio di punizione, ma Canessa replica due minuti più tardi con un colpo di testa che manda le squadre al riposo sull’1-1. Gol decisivo in avvio di ripresa di Grilli che insacca su cross dalla fascia il nuovo e definitivo vantaggio rapallese. 

Fondamentale anche la vittoria della Nuova Oregina che prevale su una Campese appagata da una salvezza ormai acquisita. I biancoblù espugnano Campo Ligure e rimettono in discussione le gerarchie della zona playout. Oregina che passa al 47° con una bella azione di De Camilli che pesca in area Diop il quale non sbaglia e fa 0-1. Al 73° raddoppia ancora Diop con un gol spettacolare da oltre 30 metri cogliendo di sorpresa un Chiriaco sicuramente non perfetto nell’occasione. Inutile la rete di Criscuolo nei minuti finali, il Nuova Oregina vince e torna a crederci.

Ciò è possibile anche grazie al ko interno del Vecchio Castagna che non riesce a prevalere su una Vecchiaudace Campomorone, squadra che non si gioca più nulla, ma decisa a raccogliere più punti possibili da qui alla fine. Primo tempo che gli ospiti ipotecano già con i gol di Tedesco e Fravega. Al 76° dopo un forcing insistito nella ripresa, Bardini scocca un tiro potente dal limite dell’area che Lucchetti non riesce a deviare ed è 1-2. Al 91° Porcu stende in area Casanova, per l’arbitro è rigore e lo stesso Casanova chiude i conti. 

Chiude la giornata SciarborascaCalvarese, gara che si gioca solo per il piacere di farlo. Entrambe infatti non hanno più obbiettivi per questa stagione. Gialloblù che chiudono avanti il primo tempo con Angella scattato sul filo del fuorigioco e freddo davanti a Bianchi. Estremo difensore che poi si fa beffare da un geniale tiro di Ferretti poco dopo la metà campo con un tiro alla Quagliarella che scavalca il portiere e si insacca alle sue spalle.

Si va al secondo tempo e i biancorossi reagiscono trovando il pareggio con un 1-2 clamoroso. Al 56° Ghirlanda accorcia. Cintura minuti dopo Soracase impatta il parziale rimettendo tutto in gioco. Ma i locali mettono in atto una contro reazione e tornano avanti con Galasso difendendo poi strenuamente il gol di vantaggio finché all’82° Comito insacca sugli sviluppi di un corner e fa 4-2.