è finita così

Inchiesta crollo Morandi, il perito svizzero “lascia” dopo l’intervista sullo stato degli stralli

Ha anticipato quella che sarebbe stata una decisione della procura, che incaricherà l'ingegnere Renzo Valentini

Genova. Lascia il suo incarico l’ingegnere Bernhard Elsener, il super perito svizzero incaricato insieme a due altri esperti di svolgere analisi sui resti di ponte Morandi dalla procura di Genova nell’ambito dell’inchiesta sul crollo del 14 agosto scorso.

L’ingegnere era stato intervistato dalla tv svizzera Rsi e aveva anticipato davanti alle telecamere alcuni elementi di indagine considerati sensibili e in sostanza che “”il viadotto non sarebbe crollato se la società avesse fatto le manutenzioni”. Oggi Elsener ha detto di volersi astenere dall’incarico di fatto anticipando quello che avrebbe potuto decidere la procura.

Ha avanzato la sua mossa prima ancora del secondo incidente probatorio, quello che si occuperà delle vere e proprie cause del crollo. La giudice per le indagini preliminari Angela Nutini intanto, accogliendo la richiesta di Elsener, ha deciso di incaricare in sua sostituzione l’ingegnere Renzo Valentini. La nomina sarà effettiva da mercoledì.

leggi anche
  • Ripercussioni
    Inchiesta ponte Morandi, il perito svizzero che ha parlato della corrosione degli stralli in tv rischia la rimozione
  • L'analisi
    Crollo ponte Morandi, il perito del gip alla tv svizzera: “Se Autostrade avesse rinforzato gli stralli non sarebbe caduto”
  • Attesa
    Ponte Morandi, il Mit concede ancora un mese ad Autostrade per rispondere alle domande sul crollo