Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fra Borgoratti e Pro, se la gode il Progetto Atletico risultati

A due giornate dalla fine, tre squadre possono giocarsi il campionato all’ultimo respiro

Resta aperta la corsa a tre per la vittoria del campionato di Seconda Categoria Girone C visto che in vetta vince solo il Progetto Atletico che sale al secondo posto a -2 dalla vetta. La squadra di Migliaccio batte un Bavari sostanzialmente tranquillo della partecipazione al campionato anche per il prossimo anno, e scavalca la Pro Pontedecimo. Primo tempo senza reti con un Bavari attento in difesa. Ci vuole un episodio per cambiare l’andamento della gara: al 66° Fiorentino lascia partire un tiro su punizione perfetto che si infila alle spalle di Boasi.  Passano quattro minuti ed sugli sviluppi di un corner, Fioretti la mette dentro per il 2-0 Atletico. Il Bavari non reagisce, mentre il Progetto vuole chiudere definitivamente tutto e al 76° Ossuto riceve da Sansone e insacca un tap in facile facile. Gol della bandiera all’86° di Bellotti.

Cade la capolista con l’Atletico Genova che passa al 14° con un’incornata di Bocchiardi che firma l’1-0. Il pareggio cercato e trovato dal Borgoratti si materializza al 75° con Lena che pesca in area Converti il quale di testa batte Postiglione. Equilibrio che, però dura pochissimo visto che alla prima azione successiva, il Progetto torna avanti con Riggi. 

Clamoroso a Pontedecimo con il ko della squadra granata per mano dell’ultima della classe, il San Giovanni Battista, alla quale vanno chiaramente gli applausi per aver onorato fino alla fine il campionato. Il gol partita arriva al 45° da una punizione di Giordano. Nella ripresa si gioca solo in una metà campo e gli ospiti restano anche in dieci per il rosso rimediato da Yanko. Osman e colpisce la traversa, Pasti viene chiuso da Macripodari  e c’è tempo anche per un gol annullato dal direttore di gara. Risultato beffardo per i granata che ora affronteranno lo scontro diretto nel prossimo turno.

Se il San Giovanni Battista ha trovato un finale di stagione in crescendo, è sempre più crisi per lo Zena che sembra avviato ad una retrocessione diretta senza appello. Col Montoggio in casa arriva un netto 1-4 che lascia poche speranze ai biancorossi. Appenninici che passano alla mezzora con Zubani. Nella ripresa la gara si chiude al 60° con il rigore di Migliorini che mette al sicuro il parziale. Zena non pervenuto e allora Zubani trova la doppietta al 70°. Cinque minuti dopo arriva il poker di Rebottaro. Piccola soddisfazione per Jovino, entrato a gara in corso e autore del gol della bandiera dello Zena. 

Secondo risultato utile consecutivo per il Ravecca che pareggia col Voltri 87, aumentando così i punti fra sé e le ultime e ipotecando la salvezza diretta. I biancoblù passano al 15° con Dassereto, ma vengono raggiunti da Romero alla mezzora. Nel secondo tempo i voltresi la ribaltano con Rittore che al 70° trova il varco per l’1-2. Poi il Ravecca resta anche dieci per un rosso diretto a Picardi appena entrato nelle file dei padroni di casa. Il Ravecca sembra spacciato, sopratutto dopo che Dassereto si fa ipnotizzare da Rastelli sul calcio di rigore assegnato dall’arbitro al 90°. Nel finale palpitante arriva la zampata di Barreiro che all’ultimo respiro pareggia. 

Importante vittoria del Begato in chiave playoff. I nerobiancoblù espugnano Vignole Borbera, casa del Crocefieschi e scavalcano proprio gli azzurroblù estromettendo, almeno al momento, la squadra di Cantoni dagli spareggi promozione. Gara bloccata e poco divertente almeno nel primo tempo. Al 55° Coppola la sblocca e da qui gli ospiti si chiudono là dietro attendendo gli avversari fino alla fine. Al 95° contropiede micidiale degli ospiti che la chiudono con Marcenaro. 

Potrebbe ancora sperare nei playoff anche il Fegino che vince in casa al 90° contro la Golacademy grazie alla punizione di Cremonesi e avvicina proprio il Crocefieschi a -1, e col secondo posto a sette lunghezze. Golacademy ormai salvo e senza stimoli che comunque ha provato a fare la sua partita.