Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Festa al Covo, discoteca aperta sabato 20 aprile. Raccolti oltre 50 mila euro in crowdfunding

Lo storico locale è stato distrutto nella mareggiata del 29 ottobre, primi lavori a tempo di record

Santa Margherita Ligure. La campagna di crowdfunding, lanciata dai gestori Stefano Rosina e Matteo Canepa e il sostegno di sponsor privati, ha permesso al Covo di Nord Est di Santa Margherita Ligure, il locale simbolo del divertimento internazionale, distrutto dalla mareggiata del 30 ottobre 2018, di riaprire. L’appuntamento, con quella che in Liguria hanno già battezzato la “Festa della rinascita del Covo”, è per sabato 20 e domenica 21 aprile, giorno di Pasqua.

Il primo step della campagna di crowdfunding, letteralmente “finanziamento della gente”, ha prodotto oltre 57 mila euro di risorse che hanno consentito l’apertura della discoteca, il ripristino della console dj, il funzionamento del bar e ristorante-pizzeria gourmet Buongustaio Doc, già aperto tutti i giorni dalle 8 alle 24.

Al Covo di Nord Est, riprende anche il servizio Eventi-matrimoni. Sabato 25 maggio riapriranno il Covo Beach, il Diving, il ristorante del pesce, con la possibilità di noleggiare imbarcazioni.

Intanto, inizia la raccolta per il secondo step del crowdfunding per completare i lavori dell’impianto audio del locale. Al crowdfunding si è affiancato il sostegno degli sponsor Gruppo Spinelli, Kia Italia, Gruppo Carlsberg, Gruppo Bacardi.

I gestori ringraziano tutti i dipendenti della struttura che, per cinque mesi, si sono trasformati in operai per portare via 23 container di detriti e attrezzature distrutte, prima di tornare nel loro ruolo di barman, camerieri, bagnini.

La raccolta di denaro collettiva è online, mediante piattaforme abilitate, accessibili in rete e in tutto il mondo. Ciascuno in questi ultimi 40 giorni ha messo una quota, nella quantità e attraverso la modalità prescelte. Per ripartire insieme alla comunità è stato scelto lo schema più diffuso e popolare di questa forma di raccolta fondi: il reward – based crowdfunding, cioè un sistema che, a fronte del contributo economico, prevede un particolare riconoscimento per tutti coloro che contribuiranno alla rinascita del noto locale.