Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dopo Portofino arriva “Santa” per Pasqua una festa inaugurerà le opere sul litorale fotogallery

S. Margherita Ligure. “Per Pasqua faremo una grande festa per inaugurare il completamento dei lavori del litorale cittadino dopo i danneggiamenti della mareggiata dal 29 ottobre”. Dopo la festa per la riapertura della strada che collega Portofino il Tigullio si prepara a nuove iniziative per il rilancio turistico del territorio. Il messaggio è molto semplice, tutto è tornato come prima, anzi forse anche meglio e, allora, ogni zona interessata dalla mareggiata festeggia il ritorno alla normalità.

Santa Margherita generiche per risistemazione

Il sindaco di S. Margherita Ligure, Paolo Donandomi, dopo l’accordo dei giorni scorsi, spiega i tanti lavori che sono in via di conclusione nel proprio territorio e quelli, più impegnativi, che saranno comunque ultimati in breve tempo. “Abbiamo già ripristinato la breccia della diga foranea sia ricostruendo il muro che integrando la massicciata – spiega – ma, al contempo, abbiamo già pagato e realizzato il progetto definitivo per il ripristino della diga portuale”. 

“Abbiamo reperito i finanziamenti, che sono 15 milioni per la totalità del lavori sottolinea Donadoni – e firmeremo la convenzione con provveditorato e Regione Liguria per poter impegnare questi soldi. La prima tranche, circa il 50% del totale, entro settembre mentre il successivo finanziamento ricadrà sul 2020. In 5 mesi, comunque, abbiamo risolto completamente il problema”.

Ma alla criticità maggiore, che era quella della diga, si sono aggiunte anche molte opere di ripristino necessarie per riportare il paese alla sua bellezza immaginaria, che ha grande fascino sui turisti. “Abbiamo fatto molti lavori – spiega – visto che tutto il litorale marino aveva subito gravi danni. Stiamo realizzando i moli nella piazza del Sole, abbiamo completato gli interventi nella passeggiata Ghiaia, stiamo mettendo a posto la fontana Colombo e stiamo risistemando il verde pubblico dei giardini a mare.  Entro Pasqua – conclude Donadoni – contiamo di avere completato tutto”.