Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Serie A1, il derby è (ancora) biancorosso: Bogliasco battuto 8 a 6 risultati

Il Genova Quinto bissa il successo dell'andata

Genova. Così com’era accaduto nella gara di andata, ancora una volta il derby si tinge di biancorosso: al termine di una partita tiratissima alle Piscine di Albaro, l’Iren Genova Quinto batte per 8-6 il Bogliasco. Risultato sempre in bilico, con un botta e risposta fra le due formazioni andato avanti per tutta la partita e risolto solo nel finale da Bittarello e compagni, che fanno uno scatto in avanti verso la salvezza.

Il Bogliasco Bene lotta fino all’ultimo ma non viene ricompensato dalla dea bendata che ancora una volta volge le spalle ai biancazzurri, i quali devono così incassare un pesante passo falso nella corsa alla salvezza.

Una salvezza alla quale Guidaldi e compagni dimostrano di credere ancora partendo subito forte e chiudendo il primo quarto avanti 3-2 grazie alla doppietta di Gambacorta e allo squillo di Lanzoni, replicando ai gol di Lindhout e Mugnaini che avevano segnato il temporaneo 2-1 dei locali.

Le sorti della sfida si riequilibrano prima del cambio vasca, quando al Bogliasco per restare avanti non basta il gol di Di Somma nel mezzo delle due segnature biancorosse, di Boero e Lindhout.

Il copione del secondo tempo si ripete praticamente identico anche nel terzo con l’immediata risposta di Di Somma alla prima rete locale di Gavazzi, alla quale segue un altro gol dei genovesi con Brambilla. Da segnalare che Pellegrini para un rigore a Lanzoni.

Giunti agli ultimi otto minuti sul minimo svantaggio, i bogliaschini provano a gettare il cuore oltre l’ostacolo ma vengono puniti in controfuga da Lindhout. Lanzoni riaccende la fiammella della speranza a due minuti dalla sirena ma la settima inferiorità numerica difensiva viene punita dal Quinto che con la rete di Paunovic chiude di fatto i conti dell’ennesima gara stregata per i biancazzurri.

“Peccato – commenta amaro coach Daniele Magalotti -. Ci abbiamo provato fino alla fine ma ancora una volta non siamo stati premiati. Come troppe volte c’è successo siamo mancati nei momenti decisivi della gara quando era doveroso usare la testa. Purtroppo sono errori che continuiamo a ripetere, dettati dalla troppa voglia di far bene che i miei ragazzi mettono in vasca. Evidentemente l’amore per i colori che si difendono a volte può essere controproducente. La retrocessione adesso è dietro l’angolo ma noi non molleremo, continuando ad impegnarci al massimo delle nostre possibilità fino all’ultimo. Desidero fare i miei personali complimenti ai due arbitri, Petronilli e Savarese, che hanno saputo gestire molto bene una partita per nulla facile. Bravi. Purtroppo non capita sempre di avere una direzione di gara come quella di oggi”.

“Era la partita che mi aspettavo, fra due squadre che si conoscono bene e si allenano spesso insieme – commenta il tecnico biancorosso Gabriele Luccianti -. Il Bogliasco non merita la classifica che ha e lo ha dimostrato anche questa sera: ha giocatori di esperienza, tanta qualità, giovani importanti. Superarli è stato difficilissimo. Nel finale non abbiamo perso lucidità e siamo riusciti a portare a casa una vittoria importantissima. Detto questo, i nostri 28 punti in classifica sono un bel bottino, ma non so se basteranno, dipende sempre da quello che fanno le squadre dietro che non mollano. Mancano quattro partite, di cui tre giocabili perché una sarà contro la Pro Recco: nelle altre tre dovremo cercare di fare punti, non soltanto per la classifica ma anche per noi”.

Il tabellino:
Iren Genova Quinto – Bogliasco Bene 8-6
(Parziali: 2-3, 2-1, 2-1, 2-1)
Iren Genova Quinto: Pellegrini, Paunovic 1, Vavic, Mugnaini 1, Brambilla 1, Lindhout 3, Gavazzi 1, Bielik, Boero 1, Bittarello, Gitto, Amelio, Pellerano. All. Luccianti
Bogliasco Bene: Prian, G. Guidi, Di Somma 2, Fracas, Ferrero, Ravina, Gambacorta 2, Monari, Guidaldi, M. Guidi, Puccio, Lanzoni 2, Di Donna. All. Magalotti
Arbitri: Savarese e Petronilli
Note. Uscito per limite di falli Mugnaini nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Genova Quinto 4 su 7, Bogliasco 3 su 10 più 1 rigore fallito.

Foto Paolo Zeggio