Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Salvare il Ponte Polcevera”, il convegno nazionale per riaprire il dibattito sulle sorti del Morandi

Una giornata dedicata a tutte le alternative all'attuale cantierizzazione post-crollo

Genova. Non è ancora detta l’ultima parola. Mentre i cantieri di demolizione e ricostruzione del ponte sul Polcevera vanno avanti, seppur con qualche intoppo legato alle procedure, parte della comunità scientifica si muove per fermare ‘la macchina’ e salvare quello che si può salvare.

Sabato prossimo, infatti, è stato organizzato un convegno nazionale per dibattere sulle sorti del Morandi, ritenuto dagli organizzatori un manufatto ancora “utilizzabile e da salvare”.

Promotore del dibattito Giovanni Spalla, professore architetto e urbanista di fama internazionale, “padre” della ristrutturazione di Palazzo Ducale, che fin dalle prime ore post crollo si batte per un diverso approccio al sistema: non demolire quanto ancora utilizzabile, rinforzandolo, e costruire la parte mancante. Un’idea che, secondo i sostenitori, avrebbe il merito di essere decisamente più veloce (18 mesi contro gli oltre 40 del progetto oggi in opera) e meno costoso.

convengo salvare il ponte

Lo stesso Spalla, le scorse settimane, ha depositato una denuncia in Procura, in cui chiede che si valuti se sussistano i reati di abuso di ufficio e procurato danno erariale nei confronti del sindaco e commissario straordinario Marco Bucci.

“Ci faremo carico di illustrare, non solo come avrebbe potuto essere salvato, ma come potrebbe ancora essere recuperato in toto o in parte in alternativa ad sua esplosione difficilissima – si legge nel documento che lancia il convegno – Chiederemo al Commissario Straordinario di esporre al pubblico tutti i progetti presentati come manifestazione di interesse per la gara d’appalto per la demolizione del Ponte Morandi e la ricostruzione del nuovo Ponte Polcevera”.

L’appuntamento è venerdì 29 alle ore 9 presso la sala Cap di San Benigno: diversi i tavoli previsti, per un dibattito che durerà tutto il giorno. Sulla pagina facebook dell’evento sono presenti tutti gli orari degli interventi e gli ospiti che prenderanno parola.