Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rampa di Cornigliano, da venerdì alle 22 a martedì mattina chiuso l’accesso dalla Guido Rossa

In entrata le auto potranno passare dalla rotonda dell'aeroporto. L'apertura delle quattro corsie martedì 26 alle 9

Genova. Aprirà alle 9 di martedì 26 marzo la seconda rampa di collegamento tra la strada a mare Guido Rossa e l’uscita dell’autostrada A10 a Cornigliano. Grazie alle due corsie di ingresso e alle altrettante in uscita sarà notevolmente fluidificato non solo il traffico di auto da e per il centro città ma anche il traffico di mezzi pesanti provenienti o diretti in porto.

Per ultimare i lavori tuttavia da questo fine settimana settimana e fino a martedì mattina i genovesi e i turisti dovranno affrontare un ultimo step di disagi, come ha spiegato il vice sindaco di Genova Stefano Balleari: “Da venerdì alle 22 e fino a martedì intorno alle 9 verrà chiusa la rampa in accesso all’autostrada per chi proviene dalla Guido Rossa. Pertanto le auto che devono entrare in autostrada dovranno percorrere via Siffredi, via Pionieri e Aviatori d’Italia e da lì attraverso la rotonda dell’aeroporto risalire verso la A10. I mezzi pesanti (ma in alternativa anche le auto) potranno percorrere via della Superba fino alla rotonda dell’aeroporto”. Per chi esce dalla A10 invece non cambia nulla: potranno percorrere la nuova rampa in uscita ed entrare da lì sulla Guido Rossa.

I lavori sul cosiddetto Lotto 10, come noto, sono stati anticipati di quattro mesi dopo il crollo del ponte Morandi con un maggior costo di circa 2 milioni e mezzo di euro finanziati con grazie ai fondi della legge sull’emergenza Genova. “Il completamento del Lotto 10 – commenta il vice sindaco – porterà un grande beneficio per il traffico che era già notevolmente migliorato dopo l’apertura della prima rampa – e che vedrà un ulteriore sviluppo positivo tra metà e fine aprile quando dopo il completamento dei lavori sul ponte Giotto verrà riaperta via Siffredi nel doppio senso di marcia come era prima del crollo del ponte Morandi”