Pulizie Agenzie dell'Entrate, la denuncia dei sindacati: "Lavoratori costretti a mangiare alla mensa Caritas". Venerdì nuovo sciopero - Genova 24
Situazione che non cambia

Pulizie Agenzie dell’Entrate, la denuncia dei sindacati: “Lavoratori costretti a mangiare alla mensa Caritas”. Venerdì nuovo sciopero

Lavoratori nuovamente in agitazione

sciopero addetti pulizie

Genova. Da più di un anno si sta verificando sull’appalto per il servizio pulizie dell’Agenzia delle Entrate un sistematico ritardo dei pagamamenti, con una situazione insostenibile per i lavoratori.

Questa la denuncia dei sindacati: “Da tempo denunciamo i continui ed estenuanti ritardi nei pagamenti degli stipendi da parte dell’azienda L’Ambiente, facente parte del Consorzio Manital, alle maestranze che nei locali dell’Agenzia operano per il servizio in appalto delle pulizie. Stipendi a singhiozzo che ci hanno già portato a protestare in piazza e nelle sedi opportune innumerevoli volte, non ultima attraverso l’azione di sciopero avvenuta il giorno 1 febbraio 2019, e a riaprire lo stato di agitazione non più solo sull’appalto genovese, ma anche su Chiavari e Savona”.

Per questo venerdì 22 marzo sarà nuovamente sciopero, questa volta a livello regionale. “Qui ci sono lavoratori che da dicembre 2017 lottano per avere uno stipendio regolare; fatto ancor più paradossale, è che proprio chi emette cartelle esattoriali abbia in appalto lavoratori costretti ogni mese a indebitarsi e a ritardare nel pagamento di scadenze basilari per la loro vita”.

“Denunciamo a tal proposito che alcuni di loro si stanno sfamando alla Caritas – scrivono nella nota i sindacati – La dignità del lavoro parte dalla sua giusta retribuzione e la condizione di questi lavoratori è uno scandalo purtroppo non sconosciuto nel mondo degli appalti, che siano essi pubblici o privati”.

Lo sciopero di venerdì 22 marzo, vedrà la Filcams Cgil, insieme ai lavoratori, in presidio davanti all’Agenzia delle Entrate di Via Fiume dalle ore 9.30 alle ore 17.00 con volantinaggio.

Più informazioni