Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lungomare Canepa, interventi “in corsa” per inserire tubi e cavi ad alta tensione. Le precisazioni di Sviluppo Genova

Approfittando dei lavori, alcuni enti gestori si sono portati avanti

Genova. Nell’ambito dei cantieri che stanno trasformando lungomare Canepa Sviluppo Genova comunica che sono in atto anche significativi interventi per posa di nuovi sottoservizi aggiuntisi “in corsa”.

Oltre a ciò si stanno effettuando i previsti interventi di sostituzione e nuova dislocazione di sottoutenze “interferenti” pure questi seguiti da Sviluppo Genova S.p.A. in qualità di Stazione Appaltante dell’opera infrastrutturale che interessa il ponente genovese.

I sottoservizi interferenti che sono stati ricollocati sono tubazioni dell’acquedotto (gestite dalla società Ireti) e riguardano in particolare alcune tratte di condotte di diametro 250 e 500, ricollocate nell’area a centro strada e nella carreggiata nord in posizione compatibile, nonché, soprattutto, la condotta principale di diametro 600 presente a centro strada che, proprio in questi giorni, viene ricollocata lato mare nell’ambito dell’area di cantiere all’interno della quale vengono svolte le lavorazioni per il completamento della piattaforma stradale e per la demolizione e ricostruzione del muro doganale a separazione con le aree portuali.

I sottoservizi di nuova realizzazione, invece, risultano essere le opere per il passaggio di due nuovi elettrodotti di alta tensione per conto della società Terna Rete Italia (uno lato monte e uno lato mare), quindi la linea di tre fangodotti posti a centro strada, che si congiungeranno con quelli già posati nell’appalto della Strada Guido Rossa, e la predisposizione, sempre a centro strada, di una nuova linea gas.

«Per questo genere di interventi – viene precisato da Sviluppo Genova – occorre distinguere due tipi di sottoservizi: quelli che vengono posti in sostituzione di sottoservizi esistenti, poiché questi ultimi erano incompatibili con l’assetto delle nostre opere a progetto, e quelli nuovi, che gli enti gestori ci hanno chiesto di inserire nei lavori di lungomare Canepa approfittando del cantiere ed evitando quindi di dover tornare a lavori conclusi impiantando nuovi cantieri lungo la strada appena realizzata. I costi dei primi sono posti a carico dell’appalto (cioè vengono pagati da Anas), per gli altri, ovviamente, gli oneri sono a carico dei diversi enti gestori, che rimborseranno Sviluppo Genova per i costi sostenuti»