Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, tre esercizi commerciali non autorizzati individuati e sanzionati dalla polizia locale

Dall'inizio dell'anno ammontano a oltre settanta le infrazioni rilevate dal reparto per omissione nella esposizione dei prezzi, oltre a venti infrazioni per commercio abusivo su area pubblica

Genova. Tre esercizi commerciali di somministrazione e vendita sprovvisti di autorizzazione sono stati individuati e sanzionati dagli agenti del reparto vivibilità e decoro, il primo a Bolzaneto, il secondo a Dinegro e il terzo in centro storico.

In circonvallazione a monte, gli operatori del reparto hanno accertato che presso un distributore automatico di bevande, attivo sulle 24 ore, era possibile a chiunque, anche minorenni, acquistare bevande alcoliche senza rispettare i limiti di legge. L’apparecchiatura non aveva attivi i necessari accorgimenti (sistemi di lettura ottica) per la verifica dell’età anagrafica degli avventori, e non veniva inibita la vendita degli alcolici negli orari di divieto stabiliti dalla normativa nazionale. A seguito di questa verifica il titolare è stato denunciato ed è stata proibita la vendita di prodotti alcolici dal distributore non a norma.

Nel centro storico un’ispezione presso un esercizio alimentare di vicinato, oggetto di un esposto per vendita di generi alimentari scaduti, ha portato al rinvenimento di diverse confezioni di prodotti alimentari scaduti. La titolare è stata sanzionata e i prodotti sono stati tolti dalla vendita.

«Stiamo andando avanti sempre più spediti con controlli a tutela non solo del sano commercio, ma anche dei consumatori. L’importante lavoro che la polizia locale sta svolgendo è fondamentale tassello per la nostra amministrazione, particolarmente attenta a contrastare ogni forma di illecito e di abusivismo commerciale», commenta l’assessore al Commercio Paola Bordilli per il lavoro compiuto nella scorsa settimana dagli agenti del reparto vivibilità e decoro.

Dall’inizio dell’anno ammontano a oltre settanta le infrazioni rilevate dal reparto per omissione nella esposizione dei prezzi, oltre a venti infrazioni per commercio abusivo su area pubblica di generi alimentari e trentaquattro infrazioni per commercio abusivo non alimentare, con un totale di 2709 pezzi e 346 casse di frutta e verdura sequestrate.