Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa, prova scialba: l’Udinese vince 2 a 0 risultati

Tredici giorni dopo il trionfo sulla Juventus, i rossoblù forniscono una prova inconcludente e si arrendono ad un'avversaria più motivata

Più informazioni su

Udine. Terza vittoria casalinga consecutiva per l’Udinese, che dopo aver perso in trasferta con Juventus e Napoli, è tornata a giocare alla Dacia Arena ed ha conquistato i 3 punti ai danni del Genoa.

I rossoblù, tredici giorni dopo la grande vittoria sulla capolista Juventus, hanno incassato l’undicesima sconfitta in campionato a causa di una prestazione deludente, caratterizzata da buona volontà ma da una prova inconcludente in fase offensiva.

La cronaca. Sulla panchina dell’Udinese torna a sedere Igor Tudor, che schiera un 4-3-3 con Musso; Styger Larsen, Troost-Ekong, De Maio, Zeegelaar; Fofana, Sandro, Mandragora; De Paul, Okaka, Pussetto.

Le riserve sono Samir, Opoku, Badu, Behrami, Ingelsson, Micin, Lasagna, Ter Avest, Wilmot, Perisan, Bocic, Nicolas.

Cesare Prandelli manda in campo il Genoa con un 4-4-1-1 composto da Radu; Pereira, Romero, Zukanovic, Criscito; Lazovic, Rolon, Radovanovic, Lerager; Sturaro; Kouamé.

In panchina siedono Marchetti, Günter, Sanabria, Lapadula, Pezzella, Biraschi, Mazzitelli, Pandev, Bessa, Dalmonte, Veloso, Jandrei.

Arbitra Luca Pairetto della sezione di Nichelino, assistito da Ranghetti e Preti; quarto uomo Di Martino; alla postazione Var Maresca e Tolfo.

Il risultato si sblocca già al 4°: contropiede sulla destra dei locali, Pussetto dà ad Okaka, da questi a De Paul che serve in area Fofana, palla ancora ad Okaka che indisturbato in piena area insacca.

Il Genoa prova a reagire, ma un pallone messo in area da Lazovic viene intercettato prima che giunga a Sturaro.

Al 6° Rolon viene ammonito per un fallo su Pussetto.

I rossoblù mantengono a lungo il possesso palla, ma non riescono a pungere.

Al 10° Styger Larsen chiude in angolo un cross di Sturaro. Dalla bandierina calcia Criscito: Musso fa suo il pallone.

Al 13° Kouamé scocca un sinistro rasoterra: Musso para. Il Genoa insiste: al 17° conclusione da fuori area di Radovanovic, Musso alza in angolo.

Al 18° Criscito crossa dalla sinistra, Radovanovic fa da sponda per Kouamé che non ci arriva per un soffio.

Si gioca praticamente solo nella metà campo dei friulani, ma le iniziative della squadra ligure non danno frutti.

Al 27° Radu atterra in area Okaka: l’arbitro indica il dischetto ma poi si avvede del fuorigioco segnalato da un guardalinee.

Ora sono i bianconeri ad essere tornati più propositivi. Al 32° destro da fuori area di Pussetto: para Radu.

Al 33° Larsen viene ammonito per perdita di tempo.

Al 33° Udinese pericolosa: palla da Styger Larsen a De Paul, da questi a Pussetto che nell’area piccola colpisce di testa e manda alto.

I rossoblù tornano a farsi vivi al 37°: Radovanovic conclude col sinistro da fuori area, alto.

Altro cartellino giallo al 38°: all’indirizzo di Sandro, per un intervento su Kouamé. Al 39° viene ammonito Zeegelaar per fallo su Lerager.

Al 41° punizione per il Genoa: Criscito non trova la porta.

Quinto cartellino giallo, al 42°: ne fa le spese Criscito, per fallo su Pussetto.

Al 43° una conclusione di Radovanovic dalla distanza viene respinta dalla difesa locale. Poco dopo Musso fa sua in presa alta una palla messa in area da Pereira.

Si va al riposo senza recupero, con l’Udinese in vantaggio per 1 a 0.

Nel secondo tempo Prandelli presenta in campo Bessa e Pandev al posto di Rolon e Lazovic. L’Udinese batte il calcio d’inizio.

Al 1° Bessa viene già ammonito per fallo su Fofana.

Al 2° Radovanovic calcia a rete: di poco sopra la traversa.

Pandev cerca di dare vitalità all’attacco rossoblù, ma al 9° è Sturaro a provare il tiro: alle stelle.

Al 12° Pussetto sulla destra va sul fondo e serve un ottimo assist per De Paul che spara alto.

Al 13° angolo per gli ospiti, conclusione di Zukanovic: para Musso.

Al 16° l’Udinese raddoppia con una spettacolare conclusione col sinistro al volo dalla distanza dell’ex Mandragora che non lascia scampo a Radu: 2 a 0.

Tra i locali al 18° entra Behrami per Sandro. Il Genoa si affida ancora ad un tentativo da fuori di Radovanovic: fuori misura.

Al 20° Radu blocca un tiro del molto attivo Pussetto.

Al 22° Ekong mette in angolo un cross di Sturaro. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina incorna Kouamé: a lato.

Cambio di fronte e De Paul cerca in area Okaka, ma Romero mette in angolo. I bianconeri calciano due corner di fila, senza creare pericoli.

Al 25° in campo Lapadula al posto di Sturaro.

Udinese ancora all’attacco, al 28° Radovanovic regala un pallone a Pussetto che scatta in contropiede, si presenta a tu per tu con Radu ma calcia alto.

Al 28° dentro Lasagna al posto di Okaka. Al 31° De Paul scappa sulla sinistra e viene steso da Pereira: ammonito.

Al 33° un destro dalla distanza di Kouamé non trova lo specchio della porta.

Al 36° il Genoa rischia ancora grosso: disimpegno errato di Pereira, il pallone giunge a Lasagna che si presenta davanti a Radu ma gli calcia addosso.

Al 39° punizione calciata di Mandragora: il suo sinistro termina a lato di poco. Badu prende il posto di Fofana.

Il tris non arriva: al 43° palla da De Paul a Lasagna, diagonale fuori di un soffio.

Cambio di fronte e Genoa pericoloso: in area incorna con perfetto tempismo Lapadula e centra la traversa, poi Kouamé va sul pallone e colpisce di testa, ma Musso si supera e para.

Al 45° il portiere friulano fa sua la sfera dopo una mischia concitata. L’arbitro assegna 3 minuti di recupero, ma il Genoa non si sblocca.

Finisce con la vittoria dell’Udinese per 2 a 0.

In classifica l’Udinese sale a quota 28 punti e si rilancia verso la salvezza; il Genoa è a 33. Nel prossimo turno, mercoledì 3 aprile alle ore 21, sarà Genoa contro Inter a Marassi.