Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Covo di Nord Est, crowdfunding in corso: il 6 aprile riapre la pizzeria, a Pasqua il dancefloor

Già raccolti 16 mila euro dai sostenitori su Eppela

Santa Margherita Ligure. Quando mancano 24 giorni alla fine della prima fase del crowdfunding – la versione 2.0 della vecchia sana colletta – per la ricostruzione del Covo di Nord-Est, lo storico locale tra Portofino e Santa Margherita Ligure distrutto dalla mareggiata dell’ottobre 2018, sono stati raccolti 16.120 euro (mentre scriviamo). L’obbiettivo è arrivare, per ora, a 50 mila e se non si arriverà a questo step non ci sarà nessun addebito per chi ha versato, ma le speranze di raggiungere e superare quella somma sono forti. I danni subiti per il maltempo ammontano a 2,5 milioni di euro.

I fondi raccolti sulla piattaforma Eppela serviranno a ricostruire le aree del ristorante, nel garden e nella sala Covo per far tornare il locale alla sua originaria bellezza. Il primo step da 50 mila euro andrà in particolare per la ricostruzione del bar e della consolle dj e della sala Covo.

Ma c’è già una buona notizia per gli affezionati della movida rivierasca, anzi due: il 6 aprile – il giorno dell’apertura della strada per Portofino – riaprirà la pizzeria Buongustaio Doc mentre la discoteca riaprirà nel weekend di Pasqua. Il 25 maggio l’opening della spiaggia.

“Quasi un miracolo, ma abbiamo voluto dare un segnale a chi ci aspetta da tempo” dice Stefano Rosina, prese in mano il Covo nel 2009, quando era chiuso da 10 anni. Anche allora il locale era disastrato – seppure non come oggi – ma si riuscì a rimetterlo in piedi. Sottovoce anche una polemica su fondi pubblici e assicurazioni. I primi troppo lenti ad arrivare (la società Mito che gestisce il Covo ha presentato il modulo Ae come tante imprese colpite dal maltempo) le seconde preparate a non pagare, quando si tratta di calamità naturali.

“Al crowdfunding si può contribuire con diverse cifre, dai 10 euro ai 10000 mila – spiega Matteo Canepa, titolare del Covo insieme a Rosina – in cambio si avranno vari benefit, dall’incisione del propri nome sul wall supporter del locale, al’invito esclusivo open ar per la festa inaugurale, al tavolo con bottiglia personalizzata fino alle giornate al beach club con aperitivo al tramonto e altro ancora.