Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Comitato SìTram attacca giunta: “Amministrazione in confusione mentre città soffoca”

I sostenitori del mezzo "ferrato" non fanno mancare critiche per la gestione del trasporto pubblico

Genova. Ancora un duro attacco del comitato SiTram alla amministrazione comunale, rea di essere “In confusione” mentre in città peggiora il servizio di trasporto pubblico e si “soffoca per il traffico”.

A far scattare le polemiche le parole dell’assessore e vicesindaco Balleari che ieri avrebbe parlato del tram come mezzo poco adatto a Genova: “Mentre a Milano fanno del tram un simbolo della città offrendo a bordo il risotto allo zafferano – si legge in una nota stamapa – a Genova un Assessore ai Trasporti che non sa bene forse di cosa si tratta parla parla del tram come mezzo ‘impattante'”.

“A Genova, invece, dove c’era una meravigliosa ed estesissima rete tranviaria ed un’assai poco saggia classe politica (di cui l’attuale è degna erede) ne ha deciso lo smantellamento, ponendo le premesse per l’attuale situazione di disastro da traffico della nostra città – scrivono – Che poi quanto affermato dall’Assessore ai trasporti nonché Vicesindaco venga contraddetto da quanto affermato successivamente dal Sindaco è prova – ci sembra – del livello evidente di confusione di questa Amministrazione in un tema cruciale come quello della mobilità”.

Tutto ciò senza “continuare a fare nulla per migliorare l’efficienza del trasporto pubblico, mentre la città soffoca di inquinamento”.

Sotto accusa anche la trasparenza sulla materia: secondo il comitato non è spiegalbile il fatto che la documentazione mandata a Roma per ottenere finanziamenti non sia stata resa pubblica “al punto che neanche ai consiglieri comunali è ne è stata permessa la lettura e di capire se è stato chiesto un finanziamento per il filobus, oppure un po’ per il tram un po’ per il filobus, oppure come ha detto il vicesindaco sono stati chiesti finanziamenti per non per un progetto ma per una visione di città”.