Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Amianto nel Morandi, ma se è davvero “sotto soglia” perché rischiare di aumentare tempi e costi di demolizione?

Le analisi effettuate finora hanno presentato valori sotto la metà del livello di guardia stabilito dalle normative nazionali, ma Arpal e Asl chiedono cautele extra. C'è il rischio di un danno erariale?

Genova. Priorità numero 1: la salute dei cittadini. Prima della necessità di un nuovo ponte per Genova e il nord ovest. Prima dei riflettori mondiali su un’opera per cui l’Italia intera, governo in primis, si gioca la faccia. Il rilevamento di amianto, sia pur sotto soglia, sia pur naturale (atomi di crisotilo), sia pur a macchia di leopardo all’interno della struttura del ponte Morandi ha cambiato le carte in tavola.

Nelle prossime ore sarà ufficializzato il programma della demolizione della parte ovest, dopo la quarta trave si procederà all’abbattimento – e sarà uno smontaggio meccanico – delle pile. Ma non ci sarà uso di esplosivo. Sulla parte est resta un punto interrogativo grande come le due pile strallate, la 10 e la 11. Perché alternative all’esplosivo, per quella parte di viadotto, non ci sono. Ma se ci fossero, forse motivazioni politiche potrebbero far propendere per l’opzione “no dinamite” anche lì.

E’ stato spiegato, a più riprese, specialmente da chi sta effettuando le analisi (Asl e Arpal), e lo si legge anche nella relazione ambientale sulla mitigazione dei rischi, che le particelle di amianto per ora riscontrate sono sotto il valore delle 0,6 fibre al litro, oltre la metà in meno rispetto alla normativa di legge in materia. Normativa di legge che, di fatto, non si ispira al principio di “rischio zero” che invece ha fatto muovere comitati, associazioni, osservatori, sindacati e altri soggetti promotori dei due (finora) esposti depositati in procura.

Ancora non si è capito, peraltro, se e quanto aumenteranno i costi (non solo i tempi) per la demolizione del viadotto Polcevera. Fino a oggi nei documenti contrattuali si parla di 19 milioni di euro complessivi (+iva). Esplosivo e smontaggio meccanico sono paragonabili, come spesa, per ragioni diverse. Ma da una parte l’allungamento dei tempi di lavoro (le giornate di cantiere costano a prescindere) e dall’altra le misure di sicurezza super cautelativa potrebbe far gonfiare i costi. E non essendoci, di fatto, una normativa di riferimento che li giustificherebbe potrebbe configurarsi il danno erariale. Sarebbe una beffa non da poco se, per andare incontro agli esposti alla procura di Genova sul rischio da amianto, si finisse per dover rispondere di un’altra accusa davanti alla corte dei conti.

Provocatoriamente, visto che i soldi del ponte sono soldi pubblici è giusto spenderne più del dovuto per rassicurare una parte di popolazione? Oppure significa che davvero bisogna preoccuparsi per quella percentuale infinitesimale di materiale amiantifero?