Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Un punto a Bologna per il Genoa: Lerager e Radu protagonisti rossoblù risultati

Un punto per il Genoa a Bologna: la zona pericolosa non si allontana, ma la classifica rimane stabile e la solidità cresce

Genova. Un punto a Bologna per il Genoa di Prandelli: a Destro risponde Lerager e la gara mantiene intoccati gli equilibri della corsa salvezza, con il Genoa che è a +7 proprio sul Bologna, terzultimo. Dopo ventitrè giornate il campionato è ancora aperta.

La gara in orario di pranzo tra Bologna e Genoa serviva a scrivere la ripartenza rossoblù, dopo l’addio di Piatek. Prandelli manda quindi in campo: Radu; Biraschi, Gunter, Zukanovic, Criscito; Lerager, Radovanovic, Rolon; Lazovic, Sanabria, Kouame. Il Bologna di Mihajlovic risponde con Skorupski; Mbaye, Gonzalez, Danilo, Mattiello; Poli, Pulgar, Soriano; Edera, Destro, Palacio.

La gara parte decisa, prima con il Bologna che si fa avanti, poi con il Genoa che tenta il contropiede. E siamo solo al 3′. Così l’apertura della gara prosegue su questa falsariga, con le due società che faticano ad affondare il colpo ma ci provano, consapevoli del peso in classifica deipunti in palio.

La svolta al 17′: Poli lancia in profondità, la difesa del Genoa si lascia sorprendere e Destro anticipa Radu di testa, beffandolo sull’uscita. Il Bologna passa in vantaggio. Il Genoa accusa un po’ il colpo e non risponde subito, tanto che cinque minuti dopo un’altra incertezza difensiva apre ad Edera, che crossa su Destro e solo la chiusura di Gunter riesce a impedire il raddoppio.

La prima opportunità del Genoa giunge alla mezz’ora, con Sanabria: bello il duetto con Kouamé, bravo Skorupski a rispondere al diagonale del paraguayano. Due minuti dopo Sanabria impegna l’estremo difensore del Bologna: è l’anteprima.

Il pareggio arriva grazie a un calcio da fermo: Lazovic batte il calcio d’angolo e mette in mezzo, Lerager stacca su tutti e insacca il pareggio. 1-1.

L’ultimo quarto d’ora della prima frazione prosegue senza ulteriori vere emozioni: Veloso che cerca di illuminare da centrocampo i rossoblù, Criscito che chiude bene su Edera, pericolosissimo con i suoi cross, Kouamé che tenta dalla distanza. Ma il risultato rimane fissato.

Dopo tre minuti dalla ripresa Edera impegna un bravissimo Radu con un tiro da fuori: il granata in prestito a Bologna sembra davvero pericoloso per tutta la difesa genoana.

Mattiello in difficoltà su Lazovic, lo ferma fallosamente, ma Criscito calcia troppo lungo per tutti il seguente calcio di punizione. A rendersi più pericoloso è il Bologna, sia perché vince decisamente nel possesso palla, sia perché Radu fallisce un’altra uscita e solo Zukanovic libera in tempo.

Il Genoa ci prova con decisione al 67′: Lazovic calcia una punizione in area che trova Kouamé e solo la deviazione dell’estremo difensore del Bologna consente al pallone di incocciare la traversa e finire in calcio d’angolo. Proprio sugli sviluppi del corner Criscito calcia a sfiorare l’incrocio. Dieci minuti dopo mette a lato Veloso.

La gara scorre verso il finale con una doppia emozione per i padroni di casa. Prima Danilo trova la traversa su corner di Pulgar, poi lo stesso Danilo calcia quasi a botta sicura e solo un Radu miracoloso salva il risultato. Il portiere del Genoa si ripete, ma con molta meno difficoltà, al 95′, negando ancora una volta la rete a Pulgar. Finisce così, con un pareggio equo per tutti.

Radu protagonista del Genoa, in positivo e in negativo. Prima causa la rete del Bologna, ma nel finale salva almeno due volte la sua porta. Bene Lerager, che sigla la sua prima rete in Serie A. Dominio nel possesso per il Bologna, ma il Genoa ha saputo rendersi pericoloso, forse più del Bologna. Il risultato è equo, divide la posta, non accontenta davvero nessuno e non consente nuovi equilibri in classifica.