Spostamento 16 minori, assessore Fassio risponde: "Adesso in strutture più appropriate, proseguiranno percorso didattico" - Genova 24
Polemica

Spostamento 16 minori, assessore Fassio risponde: “Adesso in strutture più appropriate, proseguiranno percorso didattico”

Dopo i messaggi di accusa e "sgomento", arriva la replica del comune

palazzo tursi

Genova. A seguito dello spostamento di 16 minori non accompagnati dalle Comunità Educative Assistenziali ad altre strutture, denunciato nella giornata di ieri da consiglieri dell’opposizione e addetti ai lavori, arriva la risposta dell’assessore alle Politiche educative e dell’istruzione e alle Politiche socio-sanitarie Francesca Fassio.

In una nota stampa viene precisato che: “Nell’ambito di una revisione complessiva del sistema della residenzialità per minori, è stata valutata l’opportunità di effettuare – laddove le condizioni lo permettessero in termini di mantenimento della continuità del percorso scolastico o di frequentazione di CEL, in termini di prossimità alla maggiore età e in termini di brevità della permanenza nelle comunità educative assistenziali – un inserimento di alcuni ragazzi minori stranieri non accompagnati in strutture autorizzate al funzionamento per l’ospitalità di minori stranieri, aventi caratteristiche più appropriate per la specifica funzione di supporto e accompagnamento all’autonomia di tali ragazzi”.

“Le strutture di seconda accoglienza per minori stranieri non accompagnati sono caratterizzate da specifici interventi strutturati appositamente per i minori stranieri privi di riferimenti familiari e sono particolarmente orientate ai bisogni peculiari degli stessi, nel tentativo di connettere al meglio i bisogni di questi ragazzi con l’offerta di servizi ed interventi loro destinati”.

“Sulla base di tali obiettivi, è stato effettuato un approfondimento tecnico sulle condizioni di ciascun minore, con particolare riguardo alla eventuale presenza di fragilità. Conseguentemente si è proceduto individuando 16 ragazzi tra cui 4 di 16 anni che provenivano da una struttura di prima accoglienza, e 12 compresi tra i 16 e i 18 anni (ancora da compiere, ma prossimi a tale età) frequentanti istituti professionali, istituti scolastici di secondo grado, CPIA per corsi di alfabetizzazione, o inseriti in CEL. Tutti potranno proseguire il percorso scolastico/educativo in atto”.

leggi anche
giunta bucci
La nota
Spostamento di 16 minori non accompagnati dalle Cea ad altre strutture, lo “sgomento del Forum genovese del terzo settore
Cristina Lodi
Perché?
Sedici minori non accompagnati trasferiti improvvisamente dalle strutture del Comune a quelle statali, la consigliera Lodi presenta un’interrogazione urgente
Don Bosco campo di calcio
Per 8 ragazzi
Sampierdarena, inaugurata “Casa Don Bosco” per minori stranieri non accompagnati. Domenica l’inaugurazione
Sedi istituzionali e palazzi del governo
Faccia a faccia
Comune, il centrodestra propone agevolazioni per minori e poveri. Pd all’attacco: “E’ discriminazione, più aiuti agli iscritti al registro delle famiglie”
migranti
Il caso
Minori trasferiti da una struttura all’altra dal Comune di Genova, anche il garante dell’Infanzia all’attacco