Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Scuole al freddo stamani dopo la riaccensione delle caldaie: proteste. Gioia: “Al momento impianti regolari”

Caldaie accese in ritardo a causa dello stop chiesto da Iren: domani la situazione dovrebbe tornare alla normalità

Genova. Aule gelate questa mattina negli istituti superiori di Genova, problema dovuto alla richiesta di Iren, dopo la rottura della tubatura Snam che trasporta gas naturale ieri a Murta, di chiudere gli impianti di riscaldamento.

E così la ripresa delle lezioni nella maggior parte degli istituti scolastici è arrivata con i ‘brividi’. “Il problema è che normalmente le caldaie sono temporizzate per partire qualche ora prima che i ragazzi entrino in classe – spiega il consigliere delegato al patrimonio e agli edifici scolastici della Città metropolitana Alfonso Gioia – ma oggi così non è stato e le scuole hanno potuto accendere il riscaldamento solo più tardi”.

Così, soprattutto negli edifici meno coibentati o in quelli con le aule più grandi gli studenti hanno fatto lezione al freddo, con protesta in alcuni istituti come Gaslini-Meucci e il Calvino di Borzoli e lamentele in varie altre scuole tra Sampierdarena e il ponente. “Al momento non abbiamo avuto segnalazioni di caldaie andate in blocco quindi domani la situazione dovrebbe tornare alla normalità in caso contrario provvederemo a inviare i nostri tecnici”.