Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria multietnica ed interculturale

Bogliasco come la "torre di Babele"... ma "la lingua madre", quando la palla rotola, è "il verbo" di Giampaolo

Genova. Il leader è napoletano (Quagliarella) e il “capitan futuro” (Gabbiadini) bergamasco… i due volti, nord e sud, dell’Italia, uniti dall’ideologia del lavoro da anteporre a tutto, nell’interesse del gruppo, oltre che personale…

Ma gli idiomi che giungono alle orecchie, frequentando Bogliasco, non sono solo dialetti, bensì lingue intercontinentali, foriere di scambi culturali, non solo calcistici... anche se poi, quando il pallone rotola sul prato, vale solo l’indiscutibile dogma “giampaolesco” a stabilire ciò che è vero, buono e giusto.

A seguire, riportiamo anche il quadro col dettaglio dei ragazzi “multietnici”, che completano le formazioni delle giovanili, ma intanto ecco quelli della prima squadra, che – in una rosa di ventiquattro giocatori – raggiungono le quindici unità.

Ci sono due polacchi: Karol Linetty (nato a Żnin) e Bartosz Bereszyński (Poznań), un danese: Joaquin Andersen (Frederikberg), uno sloveno: Vid Belec (Maribor), un belga: Dennis Praet (Leuven), un ceco: Jakub Jankto (Praga), uno svedese: Albin Ekdal (Stoccolma), un franco/martinicano: André Grégoire Defrel (Meudon), due brasiliani: Carlos Eugenio Júnior Tavares dos Santos (Porto Alegre) e Rafael Cabral Barbosa (Sorocaba), un uruguayano: Gastón Exequiel Ramírez Pereyra (Fray Bentos), un paraguaiano: Édgar Osvaldo Barreto Cáceres (Asunción), un italo/indonesiano: Emil Audero Mulyadi (Mataram), un gambiano: Omar Colley (Banjul), un guineense/anglo/portoghese: Ronaldo Viera Nan (Bissau-Guinea).

Anche la Primavera di Simone Pavan risulta ricca di nomi stranieri: Ognjen Stijepović (Podgorica – Montenegro), Yassin Ejjaki (Cremona, origini Marocco), Mohamed Bahlouli (Lione – Francia/ origini Algeria), Idir Boutrif (Mont Saint Martin – Francia/origini Algeria), Gergely Hutvágner (Budapest – Ungheria), Masimiliano Doda (Mirtide – Albania), Roberts Veips (Riga – Lettonia), Gonçalo Nuno Cabral Henriques (Lisbona – Portogallo), João Miguel Vieira Nobrega (Santa Cruz – Portogallo), Aris Aksel Sörensen (Giubiasco – Svizzera), Nik Prelec (Maribor – Slovenia), Jamie Yayi Mpie (Tongeren – Belgio), Bruno Dos Santos Amado (Praia – Capo Verde), Daouda Peeters (Kamsar – Guinea).

E non scherza nemmeno la Under 17 di Felice Tufano: Roman Cerepkai (Bratislava – Slovacchia), Armelo Doda (Mirtide – Albania), Petar Zovko (Mostar – Bosnia Erzegovina), Adam Obert (Bratislava – Slovacchia), Gabriel Vieira Gomes (Lisbona – Portogallo), Antonios Siatounis (Atene – Grecia), Gerard Yepes Laut (Barcelona – Spagna), Blue Junior Samuel Mamona (Pesaro – origini Belgio).

Ovviamente minori, sono le presenze in Under 16: Krisildi Mata (Savona – origini Albania), Ozuna Mejja Jhoan Manuel (S. Domingo – Rep. Dominicana), Andrea Prrocka (Firenze-origini Albania); in Under 15: Wondimagegn Trevisan (Wolaytta – Etiopia), Dawit Bono (Addis Abeba – Etiopia), Enis Tozaj (Lavagna – origini Albania) ed in Under 14: Eraldi Mata (Savona – origini Albania), Matyas Stefan Neagu (Bucarest – Romania).

A completare il cerchio, mancano i giocatori che da Bogliasco sono passati e/o potrebbero tornarci, in quanto attualmente in prestito in altre formazioni e cioè: Dawid Kownacki (Gorzów Wielkopolski – Polonia), Morten Thorsby (Oslo – Norvegia), José Rodolfo Pires Ribeiro Dodô (Campinas – Brasile), Maxime Leverbe (Villepinte – Francia), Alex Pastor Carayol (Barcellona – Spagna), Ibourahima Balde (Barcellona – Spagna), João Claudio Gomes Ricciulli (Bissau – Guinea), Michal Tomic (Skalica – Slovacchia), Denis Baumgärtner (Senica – Slovacchia), Cristian Hadžiosmanović (Lecce – origini Montenegro), Dávid Ivan (Bratislava – Slovacchia), Abou Diop (Dakar – Senegal), Lorenco Šimić (Spalato – Croazia).

Insomma, Bogliasco come la “torre di Babele”… ma “la lingua madre”, quando la palla rotola, è “il verbo” di Giampaolo…