Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rivarolese di nuovo in testa; Genova Calcio cinica e vincente risultati

L’Alassio batte la Cairese e permette il sorpasso delle due compagini genovesi. La Sammargheritese spreca un’occasione

Cifra tonda per l’Eccellenza ligure che arriva alla 20^ giornata con tutti gli scenari ancora aperti a multipli epiloghi. La Rivarolese si riprende la testa della classifica salendo a quota 40 punti grazie alla vittoria interna sul Rapallo che, però recrimina per un gol annullato a Maffei nella ripresa a cui non viene concessa la regola del vantaggio e si vede assegnare una punizione a favore, che in realtà penalizza i bianconeri.

Il primo tempo si era concluso sull’1-0 per gli avvoltoi, passati in vantaggio al 40° con una volée di Macagno. In avvio di secondo tempo pari di Bertuccelli in mischia, poco dopo ecco l’evento incriminato. La beffa per i ruentini giunge al 73° quando Romei trova il varco per inanellare l’undicesima rete della stagione.

La Genova Calcio non molla la presa e resta a -1 dai cugini giallorossoneri. Nonostante al “Ferrando” sia il Molassana a produrre più gioco e a farsi preferire per verve e voglia di vincere, alla fine i ragazzi di Baldoni si dimostrano cinici e si impongono di stretta misura. La rete decisiva e di Buono che alla mezzora si fa trovare su un cross dalla destra e svetta sul secondo palo mandando di testa la sfera in rete. Raddoppio allo scadere di tempo su azione dubbia della Genova Calcio in attacco: contatto fra portiere e attaccante, resta da vedere chi faccia fallo a chi. Per l’arbitro è penalty e dal dischetto Ilardo si conferma capocannoniere del campionato.

Colpo gobbo dell’Alassio che sbanca Cairo Montenotte trovando così punti preziosi per allontanarsi dalla zona playout. Gialloblù che partono attaccando, ma mancano di precisione e gli attaccanti valligiani sembrano avere le polveri bagnate. Al 45° il gol partita lo firma Sassari che è puntuale sul cross di Di Mario, fra i migliori in campo. Nella ripresa l’Alassio cerca di sfruttare lo sbandamento della capolista per chiuderla, ma Moraglio chiude i battenti. All’80° Brignone viene espulso complicando una brutta giornata per la Cairese che protesta per un contatto in area dubbio, ma il direttore di gara la pensa diversamente e i cairesi devono subire la terza sconfitta della stagione.

Pari poco utile ad entrambe le contendenti fra Albenga e Sammargheritese, impegnate nella corsa salvezza e distanti 4 punti. Sono i levantini a dover cercare di accorciare le distanze, forti del nuovo arrivo in attacco, Calvo che si fa vedere con un diagonale impreciso. Al 43° gli sforzi degli ospiti sono premiati con Pezzi che la mette tesa sul palo lontano, inutile il volo di Scola. Nel secondo tempo Setti si prende il secondo giallo e al 66° l’Albenga è in dieci, ma la Sammargheritese non riesce a a chiuderla e a 10’ dalla fine Mela piazza la zampata e pareggia. Finisce 1-1, che lascia molte recriminazioni in casa arancioblù che resta al penultimo posto.

Scontri diretti importanti fra ponentine poi nella zona playoff. A gioire alla fine è il Vado che supera l’Imperia grazie a due reti di Donaggio che arrivano entrambe su rigore a un minuto di distanza l’uno dall’altra intorno al 20°. Anche il gol del 2-1 imperiese giunge su tiro da fermo con Costantini che lascia partire un bolide imprendibile per Iliante. Rossoblù che salgono a -1 dai nerazzurri quindi e allungano sulle inseguitrici che si bloccano a vicenda. Il Finale infatti non riesce a superare i cugini del Pietra Ligure nonostante il gol in apertura di Ferrara al 7°. I giallorossi sprecano molto nel primo tempo e ad un minuto dalla pausa Badoino risolve una mischia pareggiando.

Tante recriminazioni per il Busalla che non riesce a portare via i tre punti al Valdivara ultima in classifica e in una situazione ai limiti della precarietà. I genovesi hanno la possibilità per prendersi la vittoria con una doppietta di Cotellessa che in due minuti ipoteca i tre punti, ma Matar e Vanacore pareggiano in avvio di secondo tempo. La partita si decide qui e termina 2-2 concedendo qualche speranza agli spezzini mentre il Busalla spreca la possibilità di fare un deciso balzo lontano dalle zone calde di classifica.

Vince invece il Baiardo che con un tiro di precisione di Guidotti al 60°, supera il Ventimiglia e si conferma all’ottavo posto in classifica. Per i granata invece un ko che complica la corsa salvezza.